• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it Halloween

La fine dei netbook

Torniamo a parlare di tecnologia. Il Guardian ci fa sapere che Asus e Acer (dopo che già Dell, HP e Samsung avevano fatto lo stesso nel 2011) hanno chiuso le proprie linee di produzione di netbook, uno dei dispositivi più versatili ed utili mai realizzati in ambito informatico. L’idea di un portatile di dimensioni ridotte e a basso costo faceva così paura che la Apple e lo stesso Steve Jobs, in procinto di lanciare l’iPad,  hanno mosso una vera e propria guerra contro questi dispositivi.

Se c’è una terza categoria di dispositivi deve essere migliore a fare certe cose rispetto ad un laptop o uno smartphone; altrimenti non ha ragione di esistere. Alcuni hanno detto: ‘È il netbook!’ Il problema è che i netbook non sono migliori a fare niente. Sono lenti, hanno display di bassa qualità, e fanno girare vecchio software per PC. Non sono meglio di un laptop, solo costano di meno. Sono solo laptop economici. E noi non pensiamo che siano una terza categoria di dispositivo”.

Steve Jobs visto da NapoliIl motivo, ovviamente, è da ricercarsi esclusivamente in ambito commerciale, non per niente l’attacco più pesante veniva proprio dal re dei markettari, i netbook, infatti non consentono quasi nessun margine di guadagno a differenza dei tablet, tuttavia i due dispositivi sono profondamente diversi e avrebbero potuto tranquillamente coesistere.

Se è vero che l’utilizzo che viene fatto normalmente di un netbook è quello di navigare su internet, esattamente come un tablet (e, a ben pensarci, come un qualunque laptop) è anche vero che il netbook è decisamente più versatile se si decide di utilizzare applicazioni diverse da un browser o da un giochino se non altro per l’interfaccia utente che permettere di scrivere un documento senza dover ricorrere a strani artifici.

Personalmente sono stato felicissimo dell’introduzione di questi giocattoli, sin dal primo eeePc a 7 pollici con disco SSD della Asus. Il netbook è abbastanza piccolo e leggero da permettermi di infilarlo in uno zainetto, di portarlo agevolmente in aereo, in moto, di tenerlo sotto il sedile dell’auto e mi permette di fare praticamente tutto quello che faccio col PC, di scrivere un documento, di mandarlo per posta, di collegarmi in ufficio o a casa. Il tablet, certo, è più portatile (anche se i 10 pollici alla fine hanno un ingombro simile) ma ha uno scopo diverso. Non è meglio o peggio del netbook, è un’altra cosa. Col tablet posso cazzeggiare su internet, usare le app per Facebook, posso giocare ad Angry Birds Star Wars e tante altre attività ma non potrei scriverci questo articolo, o forse sì ma ha prezzo di tali contorsioni da farmene passare la voglia. A dirla tutta io al mio netbook ci sono affezionato come non mi succedeva dai tempi del mio primo Amstrad 3286 mentre il mio (vecchio) tablet (italo-cinese) che pure fa egregiamente il suo lavoro, giace a fare polvere sulla scrivania, soppiantato dal Kindle, nella sua attività di e-book reader.

C”è da dire, poi,  che in un certo senso i netbook hanno consentito di avvicinare ad internet anche chi non può permettersi di spendere 3-400 euro per un tablet decente e rimangono infinitamente più performanti di qualunque schifezza cinese rimarchiata.

Bah, ce ne faremo una ragione anche di questo, del resto il Betamax fu soppiantato dal VHS… intanto vado a cercarmi un nuovo eeePc sotto-costo e me lo tengo di scorta, non si sa mai :-)

RIP netbook.

2 risposte a La fine dei netbook

  • avatar
    Alessandro scrive:

    ma quanto hai ragione. tutti i miei studenti che frequentano istituti tecnici usano netbook e non tablet perché la maggioranza ci scrive direttamente gli appunti. per non parlare dei ragazzini dislessici, che così hanno la vita decisamente facilitata. L’ipad invece gliela peggiorerebbe e basta… Anche io mi tengo il mio dell (da cui ti sto rispondendo) ben stretto ^^

    Alessandro

    • avatar
      Angelo scrive:

      In effetti sarà interessante vedere come evolverà la cosa nelle scuole dove, finalmente, cominciano ad essere sempre più diffusi i supporti didattici elettronici. Il tablet va bene sicuramente per la fruizione ma a meno di uno stravolgimento della didattica rimane certamente meno versatile di un portatile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


I più letti