• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

The Tournament

«altro che filadelfìa fantasìa»

Non ringrazierò mai abbastanza Davide Mana Giuseppe Cilluffo per avermi consigliato, un giorno che si parlava di Kelly Hu,  questo film; ma andiamo con ordine.

 

The Tournament è un action movie britannico del 2009 che per qualche strano motivo non è passato né dalle sale né dal circuito home video italiano. L’idea centrale del film è questa:

« Thirty contestes, twenty-four hours, one rule: kill or die. Ladies and gentleman please your bets. The tournament has begun »

The Tournament

In pratica abbiamo un torneo che viene organizzato, una volta ogni sette anni, fra i 30 “migliori” assassini del pianeta, da un gruppo di persone talmente ricche e potenti da essere totalmente al di fuori della legge.

 

Questa sorta di loggia massonica è in grado di prendere per 24 ore  “possesso” di una cittadina assumendo il controllo di ogni dispositivo di sicurezza fino a trasformarla in un vero e proprio campo di battaglia utilizzando tutti i sistemi di sorveglianza per creare un vero e proprio live action per il piacere degli scommettitori. L’obiettivo del gioco, infatti, è che i partecipanti, assassini professionisti ed esperti delle più varie discipline, si eliminino fra loro mentre gli spettatori fanno le loro puntate sul probabile, unico, sopravvissuto.

 

Il gioco ha un’unica regola “uccidi o muori“. Detta così potrebbe sembrare una sceneggiatura abbastanza debole e trita, tuttavia il regista, Scott Mann, riesce a delineare una storia avvincente e a presentare il passato dei singoli personaggi rendendoli da un lato credibili e dall’altro trasformandoli in vere e proprie icone pulp che lasciano il segno nello spettatore, come Miles Slad, il pazzo assassino americano, che nasce come caricatura di un personaggio di Tarantino ma che viene reso credibile dalla grande interpretazione di Ian Somerhalder o il serafico Joshua Harlow portato sullo schermo da Ving Rhames lo stesso che avevamo visto in Pulp Fiction nei panni di Marcellus Wallace.

 

Tutte le caratterizzazioni sono davvero molto riuscute come il prete alcolizzato Joseph Macavoy interpretato dal grandissimo Robert Carlyle (unico attore apprezzabile in Stargate Universe) ma sopratutto, per me grandissima sorpresa,   Kelly Hu nel ruolo di Lai Lai Zhen. Kelly Hu è nota qui da noi per essere stata per anni la protagonista giapponese dello spot di un formaggio spalmabile, ora scopro che oltre a portare in maniera meravigliosa i suoi 44 anni, Kelly Hu è una grandissima attrice drammatica che in questo film interpreta magistralmente un ruolo “di azione” fra combattimenti corpo a corpo, sparatorie ed esplosioni nemmeno fosse la bella copia femminile di Bruce Willis.

 

L’ora e mezza del film scorre velocissima e ci accompagna attraverso un inseguimento fra un camion e un autobus ad un finale, forse scontato, ma che libera lo spettatore dalla storia e lo porta a ripensare alle singole scene e ai singoli personaggi.

 

Nel complesso, volendone tracciare un giudizio, The Tournament anche se  pecca molto nella sceneggiatura, certamente rimane un film da non perdere.

 

5 risposte a The Tournament

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


I più letti