Profilo Facebook di Arcangelo Scattaglia Twitter di Arcangelo Scattaglia Profilo Linkedin di Arcangelo Scattaglia Tumblr di Arcangelo Scattaglia Pinterese di Arcangelo Scattaglia Instagram di Arcangelo Scattaglia Feed
Informativa sulla Privacy

Ucronìa.it

You can believe anything you want. The universe is not obligated to keep a straight face.

Boomstick Award 2014

Posted By on marzo 16, 2014 in ucronia | 10 comments

E finalmente quest’anno Ucronìa.it si aggiudica la terza edizione del Boomstick Award, il premio istituito nel 2011 da Germano M. nel suo Book And Negative.

 

Cos’è il Boomstick Award? Si tratta di un premio che viene attribuito ai blogger dai blogger e che richiama la mitica scena del “bastone di tuono” de l’Armata delle Tenebre per ricordarci che il blog è il nostro bastone di tuono.

Boomstick

 

La motivazione di quest’anno, per Ucronìa.it, la riporto, ed è questa

 – perché lui ha il potere. Per capire in cosa si esplica tale potere è sufficiente soffermarsi a osservare gli header che decorano il suo blog. Fatto? Bene, ora sapete cosa significaavere il potere.

– perché è un fan di Ai Shinozaki, cosa buona e giusta.

– perché possiede una vetrina piena di action figure di quelle buone, Goldrake, Mazinga, etc… che ci starei ore a guardarla.

boomstickaward2014 (1)Questo perché il Boomstick Award non è un premio come gli altri, non c’è bisogno di inventarsi giustificazioni burocratiche per assegnarlo, lo si assegna perché c’è un motivo e chi lo riceve gli attribuisce il valore che lui pensa che abbia, non tutti però possono riceverlo, quello del Boomstick è un club esclusivo e non c’è niente che nessuno possa fare, nulla che si possa migliorare per sperare di riceverlo, il Boomstick o ce l’hai o non ce l’hai.

 

Le regole del Boomstick Award sono molto semplici:

 
1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore
2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione
3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto
4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come sono concepite

 

Chi riceve il premio, dunque può a sua volta assegnarlo e quindi via con le premiazioni:

 

Plutonia Experiment – perché Alessandro Girola è il vero creatore dell’Universo, voi non lo sapete ma siete tutti personaggi di un racconto fantastico in un universo creato per raccontare una storia di cui direttamente o indirettamente fate parte

Strategie Evolutive – perché Davide Mana ha una cultura fantascientifica realmente enciclopedica, non c’è nessuno come lui, non i grandi soloni italiani fermi a sparare cazzate su Dick non i nuovi piccoli e patetici imbecilli che sentenziano sullo steampunk senza mai averne letto e, tanto meno, scritto.

Il Giorno degli Zombi – perché io di cinema non ci capisco una mazza ma Lucia Patrizi sì e non si parla qui solo di fantastico o horror. Lucia ci spiega i retroscena della regia ci spiega davvero com’è fatto un film.

Giudappeso – perché Giordano Efrodini disegna le più belle copertine  fra tutte quelle dei libri autoprodotti italiani, ma sopratutto perché lui è davvero una persona speciale

Prima di Svanire – perché Marco Siena non si perde mai d’animo, non importa quanto sia difficile la situazione, lui è sempre stoicamente in piedi e poi vogliamo parlare dei suoi libri?

Si passa da… Sonia – i motivi per premiare Sonia sono tanti, tanto per cominciare il Boomstick servirà a spronarla a utilizzare di più il suo blog e a farne, realmente, il suo bastone di tuono, ma sopratutto perché lei è un concentrato di contraddizioni e io amo quello che non capisco.

Questo Piccolo Grande Banzai – perché Lamu e Lana riescono a spiegare la cultura giapponese, con un punto di vista molto italiano, attraverso le immagini e le storie.

 

Bene adesso che avete il Boomstick fatene buon uso e andatene fieri, intanto vi lascio con la scena del Bastone di Tuono da Army of  Darkness il film di Sam Raimi del 1992.