• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

25 dicembre

Beh avrete notato che questo blog ha avuto una battuta d’arresto negli ultimi mesi… più probabilmente non se n’è accorto quasi nessuno,  in realtà penso che se non scrivo, semplicemente, nessuno legge; non credo di avere così tanti follower affezionati (beh qualcuno sì in realtà, ma pochi).

 

Semttendola di divagare, dicevo che è un po’ che non scrivo. I motivi da addurre sarebbero tanti, ma l’unica verità è che ho poca voglia di curare il blog anche se avrei diverse cose da raccontare: potrei parlare, per esempio, dell’ultimo Star Wars o di quanto siano stupidi i grillini, potrei tessere le lodi della bellissima ministro Boschi o scrivere di alcuni romanzi indie letti come l’ottimo Grexit Apocalypse e, chissà, lo farò anche nei prossimi giorni o forse no, non lo so; quello che voglio fare, invece, è parlare di mio padre giusto per non lasciare un post su Facebook che poi si perderà inevitabilmente nell’oceano di cazzate che caratterizza e, in fondo, rende interessante l’esperienza social.

 

20151225_082428Perché parlare di mio padre proprio oggi, il giorno di Natale? Semplice, perché lui ha avuto la sgradevole idea di morire il 23 dicembre lasciando i figli e, come si suol dire, una vedova inconsolabile. Mio padre stava male da tempo, niente di mortale in verità, una forte artrite che insieme alla sua innata pigrizia l’ha costretto ad una scarsa mobilità e ad abbandonare ogni scampolo della sua già scarsa vita sociale (sì era abbastanza asociale come persona, ma pure io se è per questo) per abbandonarsi al letto e alla poltrona, accompagnato dalla colonna sonora di una televisione sempre più trash e sempre meno capace di insegnare qualcosa di positivo. No, non stava bene, fisicamente e anche psicologicamente, avvitatosi in una spirale che l’ha reso sempre meno indipendente e di conseguenza sempre più insofferente alla vita stessa, è morto male, dopo una stupida caduta, due fratture e una serie di infezioni che hanno fiaccato per sempre il suo sistema immunitario già debilitato dalla malattia; non credo volesse morire e nessuno credeva che morisse così, senza poter dare la colpa ad un demone maligno o a qualcun’altro, ma è morto e basta.

 

Io ho amato mio padre, a lui devo la passione per la lettura, per i fumetti, è grazie a lui che sono  chi sono e non un altro, con lui ho giocato da bambino, con lui guardavo Space 1999 in un vecchio TV Phonola in bianco e nero,  era lui che mi portava in giro, mi accompagnava a scuola che mi ha insegnato una serie di valori; oddio gli devo anche un po’ di quella pigrizia che mi impedisce, ad esempio, di portare avanti questo stupido blog e quella paranoia che spesso non mi fa dormire di notte per quello che, il più delle volte, si rivela poi una cazzata, anche se, ricordatelo, la paranoia può salvarvi la vita o quanto meno il culo in certe occasioni.

 

Insomma se non ci fosse stato mio padre ora sarei un uomo diverso come diversa sarà la strada che prenderò per il fatto che è stato costretto a lasciarci così presto, insomma tutte queste parole solo per dire: ciao papà

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


I più letti