Profilo Facebook di Arcangelo Scattaglia Twitter di Arcangelo Scattaglia Profilo Linkedin di Arcangelo Scattaglia Tumblr di Arcangelo Scattaglia Pinterese di Arcangelo Scattaglia Instagram di Arcangelo Scattaglia Feed
Informativa sulla Privacy

You can believe anything you want. The universe is not obligated to keep a straight face.

La tuta spaziale di Elon

Posted By on Maggio 31, 2020 in blog, science fiction | 0 comments

Diversi anni fa, prendendo spunto  da La Tuta Spaziale” (Have Space Suit — Will Travel), romanzo per ragazzi scritto nel 1958 da Robert A. Heinlein, scrissi un post sulle tute spaziali e sul loro impatto nell’immaginario collettivo.

Evidentemente non sono l’unico ad essere sempre stato affascinato da questo oggetto, protagonista dell’epopea per la conquista allo spazio, anche Elon Mask, infatti, durante la preparazione della missione Crew Dragon Demo-2, la prima missione privata con astronauti a bordo, partita ieri sera da Cape Canaveral alla volta della ISS, non ha tralasciato il design delle tute spaziali.

L’imprenditore si è rivolto, quindi, a Jose Fernandez, un famoso costumista di Hollywood, che da sempre ha lavorato alla creazione dei costumi per i supereroi realizzando i costumi di Wonder Woman, Wolverine, Captain America, Batman, ed eccoci così catapultati in un film di fantascienza degli anni 50, con delle tute spaziali diverse dai goffi scafandri usati fino ad oggi dalla NASA ma più simili alle armature di HALO 4 con i colori, bianco e grigio scuro, scelti dal nostro Elon Musk in persona.

Ovviamente le nuove tute spaziali non sono solo un grazioso outfit dall’indubbio gusto estetico, ma sono un vero e proprio ritrovato della tecnologia che non ha nulla da invidiare alle ACES (Advanced Crew Escape Suit) della NASA o alle Sokol russe, le tute di SpaceX sono leggere e perfettamente adatte a muoversi all’interno della Dragon e della ISS.  Le connessioni elettroniche e il  supporto vitale sono allocate sulla coscia e si agganciano al casco stampato in 3D, dotato di microfoni, valvole integrate e meccanismi per la retrazione e il bloccaggio della visiera; non ne è noto il costo ma è possibile ipotizzare che per la progettazione ex-novo di un sistema con le stesse caratteristiche di ACES, gli investimenti possano essere dell’ordine del mezzo miliardo di dollari.

Ovviamente, quelle di SpaceX, non sono tute per attività extraveicolari, per quel tipo di attività verranno ancora usate le tute modulari semirigide americane EMU o le Orlan russe.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.