• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

gallery

Maya Takeuchi

Oggi parliamo un po’ di cosplay. Quello del cosplay è un fenomeno nato in Giappone tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta ed è la pratica di indossare il costume di un personaggio di un anime, di un manga, di un telefilm o comunque in qualche modo famoso e riconoscibile per i fans. Negli anni ’90 il fenomeno del cosplay è letteralmente esploso e, dal Giappone, ha cominciato a diffondersi nel resto del mondo arrivando anche in Italia dove, a partire dal famosissimo Lucca Comics dei primi anni ’90, le fiere di fumetti e videogames si sono moltiplicate portando con se il colore e la bellezza di tantissimi cosplay made in Italy.

 

Già in passato ho parlato di cosplay italiani presentando il cortometraggio di Daniele Spadoni Lupin The Third: The Origins con protagonisti Lupin 3rd e la sua Squadra un gruppo di ragazzi che impersonano magistralmente i personaggi degli anime dedicati a Lupin III.

 

Oggi però vorrei presentarvi una delle più brave, belle e simpatiche cosplayer italiane: Maya Takeuchi.

 

Maya è una cosplayer internazionale che vanta anche origini giapponesi, essendo sua nonna paterna originaria di Kyoto, e fin da bambina ha iniziato a interpretare personaggi di anime e videogames. Io, personalmente, l’ho conosciuta nella sua interpretazione di Ada Wong, la mitica eroina della saga di videogiochi della Capcom, Resident Evil. L’interpretazione di Ada Wong da parte di Maya è impressionante: non ci credete?

Maya - Ada Wong

 

Incredibile la somiglianza vero? Ma Maya Takeuchi non è una semplice cosplayer lei non si limita a copiare le pose del personaggio che ricopre, Maya ne dà un’interpretazione del tutto personale e prova ne è la fantastica Ada Wong in bikini che tanto successo sta avendo sul web e persino nella pagina Facebook di Ucronìa.it.

Continua a leggere

Hunger Games (2012)

Oggi si parla di Hunger Games, pellicola del 2012 basata sul omonimo romanzo di Suzanne Collins, scrittrice per bambini, e diretta senza troppa convinzione da Gary Ross.

Hunger Games

Samo in un futuro distopico, nella nazione di Panem, nata dalle ceneri degli Stati Uniti, dove, da 74 anni, si svolgono gli Hunger Games: una sorta di reality show realizzato da una mega produzione della capitale (ebbene sì, Capital City), nel quale due rappresentanti di ognuno dei dodici distretti si affrontano in un combattimento mortale nel campo di battaglia all’interno di una foresta/set cinematografico totalmente controllato dagli strateghi del gioco e dal presentatore che possono farvi apparire palle di fuoco, alberi e animali spaventosi quanto improbabili.

Continua a leggere

Moana Pozzi

Professore, le devo confessare che la mia ricerca sessuale è un buco profondo e credo vada molto oltre la sua immaginazione. (Moana Pozzi in Buco profondo – L’insaziabile viziosa)

Questi giorni, fra gente che senza alcun titolo, esperienza o buon senso si fa garante di promuovere nuove leggi elettorali che segneranno il paese per i prossimi venti anni e pazzi furiosi che arringano alle folle proponendo rivolte da salotto per rimpinguarsi il portafogli, in varie occasioni, mi sono ritrovato a pensare ai tempi in cui in Italia c’era il pentapartito, quel sistema politico per il quale, chiunque vincesse le elezioni, alla fine a governare erano sempre gli stessi, ma con talmente tanti veti incrociati da rendere improbabile qualunque deriva autoritaria e comunque sempre sotto l’attenta vigilanza internazionale, insomma mi sono ritrovato a pensare alla situazione socio-politica degli anni ’80.

Moana Pozzi

Ma questo non vuole essere, non è, un post politico, non lo è perché ormai da tempo, vuoi perché invecchio, vuoi perché in fondo penso che gli italiani non meritino nulla di diverso da quello hanno, la voglia di fare analisi politiche ha lasciato il posto a quella di cazzeggio, dunque passare dal pentapartito a Craxi, fino a Moana Pozzi è davvero un attimo.

 

Moana Pozzi nasce a Genova il 27 aprile 1961, oggi, se un male incurabile non l’avesse portata via, avrebbe dunque 53 anni e probabilmente sarebbe da 15 anni deputato della Repubblica, magari pure con giusti meriti. Ma io non voglio parlare della sua carriera di opinionista, showgirl, scrittrice, opinion leader, politico e via discorrendo; voglio ricordare Moana Pozzi per la sua incommensurabile carriera di pornostar.

 

Continua a leggere

Mao Ichimichi

Mao Ichimichi as  Luka Millfy/Gokai Yellow Torniamo a parlare di Super Sentai e già che ci siamo parliamo pure di gravure idol.

Per semplificare, magari approfondirò in un post dedicato, una gravure idol è una modella giapponese che principalmente posa per riviste maschili, album fotografici e DVD, indossando spesso  costumi da bagno o lingerie in pose e atteggiamenti decisamente ammiccanti.

 

A proposito di gravure idol, oggi vi presenterò Mao Ichimichi (市道 真 央Ichimichi Mao) nata 1 febbraio 1992 a Osaka, in Giappone che oltre ad essere una modella è anche una showgirl e un’attrice nota per il suo ruolo di Luka Millfy / Gokai giallo nella serie Super Sentai Sdel 2011 Kaizoku Sentai Gokaiger.
 
Mao Ichimichi ha fatto il suo debutto sotto il nome d’arte di Rio Minami nell’ottobre 2006 come membro  del gruppo di idol di Horipro Osaka. Nel 2007 è apparsa nello show Enter!371. Dopo l’uscita del DVD  Ike Ike Go! Go ! HOP Club, nel 2011, Mao lascia il gruppo Horipro Osaka per trasferirsi a Tokyo e diventare conduttrice nello show Sakiyomi Jan Bang!.
 
Nel 2011, Mao Ichimichi ottiene il ruolo di Luka Millfy, il Gokai giallo della serie  Kaizoku Sentai Gokaiger e, nel giugno dello stesso anno, ha pubblicato il suo primo  DVD da solista, A Distant Shore , insieme a un libro fotografico con lo  stesso titolo. Di seguito una mini gallery fotografica della bellissima Mao.

Continua a leggere

Allunaggio Chang’e 3

Fra il 1958 e il 1959, in piena Guerra Fredda, inizia la corsa alla Luna coi primi successi sovietici e delle sonde Luna 2 e Luna 3 fra settembre e ottobre 1959. Gli Stati Uniti trovatisi a rincorrere nello spazio l’Unione Sovietica, già dopo il lancio dello Sputnik, rispondono nel 1958 con le sonde Pioneer e successivamente con le Ranger ottenendo i primi riscontri solo nel 1965 con le prime foto della Luna a distanza ravvicinata. Intanto Luna 9 dell’URSS, nel gennaio 1966, effettuava il primo allunaggio morbido, obiettivo ripetuto dagli USA pochi mesi dopo con la sonda Surveyor 1, aprendo in questo modo la strada per il trionfo dell’Apollo 11 che il 20 luglio del 1969 portò il primo uomo sulla Luna, seguito da altri cinque sbarchi e 12 essere umani scesi sulla superficie del satellite.  La corsa alla Luna si chiuderà nel 1976 con l’ultimo allunaggio della missione sovietica Luna 24, fino ad oggi.

Lancio

Continua a leggere

Archivi


I più letti