• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

Newton Compton, Collana Live

Live di Newton ComptonArrivo in ritardo a parlare della nuova iniziativa editoriale della Newton Compton che ha lanciato nelle settimane scorse Live, una collana di libri low cost al prezzo di €0,99 per circa 120 pagine. Come molti ricorderanno il Gruppo Newton è quello che nel 1992 presentò la Collana del Fantastico Economico Classico , 50 volumi di 100 pagine a 1000 lire, pubblicando Lovercraft, Van Vogt, Burroughs, H.G.Welles, Tanith Lee, Conan Doyle, Zelazny e tanti altri e che in generale propose i famosi  ‘centopaginemillelire’.

 

La Newton conferma con i Live, con i libri a € 9,90 e gli e-book classici a € 0,49 (che richiamano anche nella copertina i centopagine) la sua politica aggressiva in fatto di prezzi e il mercato le sta dando ragione, nonostante la contrazione degli ultimi anni che ha portato molte piccole case editrici a chiudere, la Newton, infatti, ha persino avuto un incremento di fatturato del 29,4% nel 2012.

 

L’iniziativa della casa editrice romana è indubitabilmente positiva dal momento che si colloca in un mercato editoriale, quello italiano, dove in base al “Rapporto sulla promozione della lettura in Italia“, curato dal Forum del libro,  la metà degli italiani non legge neppure un libro l’anno e, nel 2012, soltanto il 46% ha letto almeno un libro, al contrario di quanto avviene, per esempio, in Germania, dove l’82% degli intervistati ha dichiarato di leggere almeno un libro l’anno o in Francia dove la percentuale si attesta al 70% e se è pur vero che il prezzo dei libri non è l’unico fattore a determinare la diffusione della cultura e probabilmente nemmeno il più significativo è anche vero che un accesso più semplice, sia in termini di reperibilità che di prezzo alla lettura sarà sempre benvenuto.

 

Personalmente sono stato, dunque, contento di vedere gli espositori dei “Live”, un po’ dappertutto, dalle librerie ai centri commerciali, anche se c’è da dire che l’accoglienza riservata a questi volumi non sempre è stata positiva; in particolare le dichiarazioni di editori e librai, pur dimostrando una certa cautela, sono tutte improntate all’insostenibilità economica dell’iniziativa e a considerarla un’operazione di marketing da parte della Newton, che dal canto suo  afferma di non lavorare e di non aver mai lavorato in perdita.

 

Se è comunque comprensibile l’atteggiamento degli editori, che vedono una contrazione delle vendite nel settore “tascabile economico” a causa della crisi, della diffusione degli e-book e ora di una rincorsa al prezzo più basso e se è comprensibile anche l’atteggiamento di alcuni librai che, pur mantenendo invariato il costo di gestione logistica del volume “economico”, hanno un margine di guadagno sempre più risicato, quello che è proprio inaccettabile è l’atteggiamento di certi “lettori”.

 

Tornando al “Rapporto sulla promozione della lettura in Italia” il 6,3% degli italiani leggono più di 12 libri l’anno, un numero talmente esiguo da poter essere quasi considerato una “casta[1], ed è così che infatti si comportano. Di fronte ai “Live” della Newton, infatti l’atteggiamento più comune, da parte di certi “lettori”, è stato di snobismo nei confronti dell’iniziativa: la carta della Newton si sfalda, le traduzioni sono imprecise, la colla puzza, la copertina contiene pubblicità. Vanno bene dunque i volumi rilegati a 25 euro e gli e-book a 7,99 in un paese dove per legge è vietato persino fare sconti sui libri se non entro certi limiti. La Newton, in parte, ha aggirato l’ostacolo della legge Levi non proponendo sconti ma tagliando proprio il prezzo di copertina e a certi grandi editori, certi grandi distributori e pure ad alcuni autori di “best seller” nostrani sembra che la cosa non stia andando giù. Poverini adesso hanno bisogno di una legge per imporre un prezzo minimo di copertina, si potrebbe fare, che ne so, 10 centesimi a pagina…

 

Dal canto mio, degli attuali titoli  Live ho già quello che mi interessa, forse prenderò “L’assedio di Roma” di Andrea Frediani, anche se da un po’ di tempo sto comprando solo libri in formato elettronico, sopratutto per lo spazio e la comodità di archiviazione.  Ad ogni modo ribadisco, per quel che vale, tutta la mia stima e il mio plauso alla Newton Compton.

 

 

[1] chissà  gli elettori del ex-comico genovese  considerano “casta” i lettori abituali, le dichiarazione antiscientifiche del loro guru di riferimento mi farebbe protendere per il sì.

 

 

 

 

 

Altro che grattacieli

Arcologia di Sim CitySin da bambino sono stato affascinato dal concetto di Arcologia; quando avevo sei-sette anni l’idea di un enorme edificio in grado di mantenere al suo interno un sistema ecologico in grado di bastare a se stesso e sostenere una densità abitativa tale da contenere milioni di individui, era la base per molti miei viaggi fantastici con la mente.

 

La prima volta che ho sentito la parola Arcologia è stato intorno ai 15-16 anni giocando al famosissimo gioco della Maxis, Simcity che prevedeva, a un certo punto, la costruzione di questi enormi edifici/città, devo ammettere che far distruggere un arcologia da Godzilla era quanto di più libidonoso si potesse fare con un personal computer dell’epoca.

 

Il termine Arcologia, come ci insegna la sempre utilissima Wikipedia è un neologismo coniato dall’architetto Paolo Soleri negli anni ’60 che unisce insieme le parole “architettura” ed “ecologia”  per identificare un’utopica città del futuro che mette insieme in un sistema complesso, per quanto “miniaturizzato”, componenti sociali, filosofiche ed ecologiche.

 

L’arcologia di Soleri è stata, ovviamente, utilizzata nella fantascienza classica con città coperte da cupole ed habitat extraterrestri, spesso alienanti. Va detto che le idee di Soleri sono tutt’altro che vicine al distopico concetto di città alveare tipico delle atmosfere cyberpunk degli anni ’80, ma vanno più in direzione della sostenibilità intesa nell’evitare lo spreco e la duplicazione delle risorse perseguendo il risanamento del territorio e utilizzando i mezzi a disposizione per favorire la socialità: dall’incentivazione dei trasporti pubblici alla creazione di centri di aggregazione ricreativa o culturale.

Arcosanti

In quest’ottica Soleri, negli anni ’70 dà vita ad un interessante esperimento. In Arizona viene acquistata della terra e vengono ottenute le concessioni per la costruzione di due grandi strutture per sostenere circa 5000 abitanti e realizzare un prototipo di arcologia: nasce Arcosanti che cerca di coniugare l’idea di arcologia con i limiti economici imposti dal progetto cercando di sfruttare, dove possibile, tecnologie “pulite” e sistemi autonomi di sostentamento.

 

L’esperimento in parte è risuscito e in parte si è trasformato nell’ennesimo parco a tema americano, lo stesso Soleri, cautamente ci fa notare che « Riconoscere l’importanza delle implicazioni e delle relazioni ambientali è stato un notevole primo passo. Abbiamo quindi dovuto constatare che la vita è più complessa ed ardua di quanto ci piacerebbe credere ». Tuttavia bisogna ammettere che l’idea era davvero affascinante.

 

Grattacieli stratosfericiDel resto è improbabile che la crescita demografica sia destinata a fermarsi e il concetto di arcologia rimarrà sempre in voga così come nuovi progetti per grattacieli sempre più alti. E’ di questi giorni l’interessante progetto cinese presentato nell’edizione 2013 dello “Skyscreper Competition”, manifestazione nata nel 2006 con l’obiettivo di promuovere le migliori idee in termini di edilizia “verticale”. L’audace progetto degli architetti Mingxuan Dong, Yuchen Xiang, Aiwen Xie, Xu Han, prevede che in futuro, a causa delle loro altezze sempre più importanti, i grattacielinon potranno garantire di essere in grado di resistere a disastri naturali. Da qui l’idea di un reticolato ad altezze stratosferiche (letteralmente) che coprirà il nostro Pianeta per sostenere i nuovi grattacieli “unendoli” insieme. A questo punto niente impedisce che gli edifici siano sospesi al reticolato e non più ancorati al pianeta; il progetto è descritto meglio qui e vedrebbe la luce in un ipotetico 3013, fra mille anni, anche perché oggi dubito che esistano i materiali per sostenere le forze in gioco.

 

Beh nell’attesa di essere sospeso ad un reticolato vado a vedere cosa è successo all’ascensore… 😉

Latex, Neoprene e Libertà

latex_neoprene_libertaBeh a distanza di quasi una settimana si torna a parlare di elezioni, del risultato delle elezioni. Nei due post precedenti  avevo invitato ad un uso della matita copiativa coerente con gli eventi storici degli ultimi 70 anni,  tutti quanti, purtroppo, sappiamo com’è andata a finire.

 

Certo potrò sempre dire che io l’avevo detto, ma mi limiterò, se pure si tratta di una citazione banale, a fare nuovamente un salto  indietro nel tempo per prendere a prestito le parole con cui Elsa Morante definisce il popolo italiano nel 1945, in riferimento all’appoggio incondizionato al Duce.

<…>

La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto.

Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei.

<…>

Cosa resta a questo punto? Beh visto che un qualunque Casaleggio con una S.r.l. sotto i 15 dipendenti è in grado di fondare un partito che si accaparra il 25% dei voti, Germano M. e Alex Girola si sono detti: perché non dare vita ad un nuovo MovImenTo[1] rivoluzionario? Così se gli ideali e i valori ormai stanno progressivamente scomparendo, se mancano gli investimenti nella ricerca e nel lavoro, se il Paese è ad un passo dal baratro… rimangono sempre il latex e il neoprene, si perché il latex e il neoprene  diventeranno per tutti noi come una seconda pelle che avrà l’obiettivo non di distruggere la Casta ma di estenderne i privilegi a tutti quanti;  sì, anche a te che hai un orgasmo mentre i comici arringano le folle.

 

Immaginate un mondo fatto di belle donne inguinate nel latex, immaginate di aderire ad un  MovImenTo veramente liberale ma sopratutto esteticamente gradevole e se proprio non ci riuscite… il MovImenTo vi fornirà anche il borotalco, ma noi pensiamo che nessuno potrà realmente resistere.

 

[1]  maiuscole scelte a caso

 

Un po’ di storia (2)

fasci_di_combattimentoGuardare indietro per cercare di andare avanti. Gli italiani sono sempre stati attratti dalle facili promesse di rivalsa sociale, da coloro che prospettano la rivoluzione ma senza troppo sbattimento. Quello che segue è il programma/manifesto del Movimento dei Fasci Italiani di Combattimento[1] ufficialmente pubblicato su Il Popolo d’Italia il 6 giugno 1919.

Oggettivamente questo programma, che come altri più attuali propone risposte semplici a problemi complessi, a prima vista appare del tutto condivisibile;  francamente se fosse attuabile io lo voterei anche adesso. Ovviamente le cose poi sono andate diversamente, com’era inevitabile, ma come vedete i bimbi nella culla sono tutti belli.

Buona lettura ed occhio a come usate la matita copiativa.

 

[1] Per i precisini: che lo si chiami Movimento dei Fasci Italiani di Combattimento o Movimento delle Camicie Nere la parola chiave, l’hashtag come si dice nell’e-democracy è #movimento, un’oggetto politico preludio della formazione di un partito.

 

 

Italiani! Ecco il programma di un movimento genuinamente italiano. Rivoluzionario perché antidogmatico; fortemente innovatore  antipregiudiziaiolo.

 

Per questo NOI VOGLIAMO

Per il problema politico

a) suffragio universale a scrutinio di lista regionale, con rappresentanza proporzionale, voto ed eleggibilità per le donne.

b) Il minimo di età per gli elettori abbassato a 18 anni; quello per i deputati abbassato a 25 anni.

c) L’abolizione del Senato.

d) La convocazione di una assemblea Nazionale per la durata di tre anni, il cui primo compito sia quello di stabilire la forma di costituzione dello Stato.

e) La formazione di Consigli Nazionali tecnici del lavoro, dell’industria, dei trasporti, dell’igiene sociale, delle comunicazioni, ecc. eletti dalle collettività professionali o di mestiere, con poteri legislativi, e diritto di eleggere un Commissario Generale con poteri di Ministro.

f) L’elezione popolare di una magistratura indipendente dal potere esecutivo.

 

Per il Problema Sociale:

NOI VOGLIAMO

a) La sollecita promulgazione di una legge dello Stato che sancisca per  tutti i lavoratori la giornata legale di otto ore di lavoro.

b) Minimi di paga.

c) La partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori al funzionamento tecnico dell’industria

d) L’affidamento alle stesse organizzazioni proletarie (che siano degne moralmente e tecnicamente) della gestione di industrie e servizi pubblici.

e) La rapida e completa sistemazione dei ferrovieri e di tutte le industrie dei trasporti.

f) Una necessaria modificazione del progetto di legge di assicurazione sulla invalidità e sulla vecchiaia abbassando il limite di età, proposto attualmente a 65 anni, a 55 anni.

 

 

Per il Problema Militare:

NOI VOGLIAMO

a) L’istituzione di una milizia nazionale con brevi servizi di istruzione a compito esclusivamente difensivo e il disarmo generale.

b) La nazionalizzazione di tutte le fabbriche di armi e di esplosivi.

c) Una politica estera nazionale intesa a valorizzare, nelle competizioni pacifiche della civiltà, la Nazione italiana nel mondo. 

 

Per il problema finanziario:

NOI VOGLIAMO

a) Una forte imposta straordinaria sul capitale a carattere progressivo, che abbia forma di vera ESPROPRIAZIONE PARZIALE di tutte le ricchezze.

b) Il sequestro (confisca) di tutti i beni delle congregazioni religiose e l’abolizione di tutte le mense vescovili che costituiscono una enorme passività per la Nazione e un privilegio di pochi.

c) La revisione di tutti i contratti di forniture di guerra ed il sequestro dell’85% per cento dei profitti di guerra.

d) La gestione cooperativa della produzione agricola e la concessione della terra ai contadini.

Un po’ di Storia…

Apriremo il Parlamento come una scatola di tonno

 

Mussolini nuotatoreL’11 novembre 1918, con la resa della Germania, l’Italia fu fra i vincitori della Grande Guerra. Il paese vive un’ondata di ottimismo e il futuro dell’Italia rurale e contadina sembrerebbe essere un po’ più roseo, sembrerebbe…

 

L’industria italiana che aveva avuto una crescita esponenziale nel periodo del conflitto, per via delle commesse belliche, non riesce a riconvertirsi alla produzione civile e i reduci della I Guerra Mondiale a cui, implicitamente, era stato promesso un nuovo mondo scintillante di ricchezza, non riescono ad accettare di dover tornare ad arare i campi del vecchio genitore.

 

In questa nuova realtà  socio-politico nasce il movimento futurista in grado di stimolare l’intero sistema culturale e artistico europeo e in cui le giuste istanze della società nata dalle ceneri della guerra e del nuovo contesto politico-economico e sopratutto tecnologico cominciano a confluire.

 

Nel contempo nascono nuovi personaggi “carismatici”  e, oltre a Gabriele D’Annunzio, abbiamo il giovane socialista  Benito Mussolini che fonda un nuovo Movimento popolare, quello delle Camicie Nere con un “Vaffa “Me ne Frego” ricamato sulla bandiera; un Movimento nato con l’obiettivo di fare del Parlamento “ il bivacco per i miei manipoli” frase questa che, credo,  abbia qualcosa a che fare  con le scatolette di tonno.

 

Ovviamente in un contesto come quello dell’Italia dell’inizio del XX secolo, il Movimento delle Camicie Nere riempiva le piazze facendo breccia nel cuore dei giovani incapaci italioti che, già allora,  credevano che i loro problemi fossero causati sempre da qualcun altro, dalla cattiva gestione, dai politicanti locali…. Mussolini non aveva ancora un programma preciso, in realtà non ce l’ha mai avuto, l’idea delle Camicie Nere era semplicemente di scardinare il sistema, combattere la vecchia politica, arginare il pericolo proveniente dalla Russia con la sua rivoluzione politico-sociale del 1917 che aveva visto i socialisti occupare le fabbriche d’armi per dare una nuova speranza agli operai.

 

Così nel 1921, il Movimento, costituitosi in un Partito riuscì a fare eleggere alcuni deputati e l’anno successivo potremo finalmente assistere alla vergognosa “Marcia su Roma” e alla conseguente proclamazione di Mussolini quale Presidente del Consiglio a causa dell’insipienza del Re, com’è andata a finire spero non debba essere io a raccontarvelo ma vi invito a riflettere.

 

 

Archivi



I più letti