• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

Moana Pozzi

Professore, le devo confessare che la mia ricerca sessuale è un buco profondo e credo vada molto oltre la sua immaginazione. (Moana Pozzi in Buco profondo – L’insaziabile viziosa)

Questi giorni, fra gente che senza alcun titolo, esperienza o buon senso si fa garante di promuovere nuove leggi elettorali che segneranno il paese per i prossimi venti anni e pazzi furiosi che arringano alle folle proponendo rivolte da salotto per rimpinguarsi il portafogli, in varie occasioni, mi sono ritrovato a pensare ai tempi in cui in Italia c’era il pentapartito, quel sistema politico per il quale, chiunque vincesse le elezioni, alla fine a governare erano sempre gli stessi, ma con talmente tanti veti incrociati da rendere improbabile qualunque deriva autoritaria e comunque sempre sotto l’attenta vigilanza internazionale, insomma mi sono ritrovato a pensare alla situazione socio-politica degli anni ’80.

Moana Pozzi

Ma questo non vuole essere, non è, un post politico, non lo è perché ormai da tempo, vuoi perché invecchio, vuoi perché in fondo penso che gli italiani non meritino nulla di diverso da quello hanno, la voglia di fare analisi politiche ha lasciato il posto a quella di cazzeggio, dunque passare dal pentapartito a Craxi, fino a Moana Pozzi è davvero un attimo.

 

Moana Pozzi nasce a Genova il 27 aprile 1961, oggi, se un male incurabile non l’avesse portata via, avrebbe dunque 53 anni e probabilmente sarebbe da 15 anni deputato della Repubblica, magari pure con giusti meriti. Ma io non voglio parlare della sua carriera di opinionista, showgirl, scrittrice, opinion leader, politico e via discorrendo; voglio ricordare Moana Pozzi per la sua incommensurabile carriera di pornostar.

 

Continua a leggere

The Rings of Akhaten

The Rings of Akhaten è il settimo episodio della settima stagione di Doctor Who (2005) ed è la puntata in cui il Dottore inizia il suo viaggio con la nuova companion, Clara Oswald. Al di là delle pecche narrative dell’episodio e senza voler discutere del potentissimo tema musicale di Murray Gold,  voglio parlare del grandioso e spesso troppo sottovalutato Matt Smith e del suo monologo di questo episodio. Un arringa rivolta ad un dio silenzioso e inquietante pronto a fagocitare pianeti e galassie,  un discorso che parte lentamente in un crescendo emozionale che raggiunge una tale forza emotiva da riuscire ad avvicinare lo spettatore a quel senso di solitudine, quella sofferenza che solo una creatura immortale, un essere che ha visto nascere e morire mondi e civiltà, può provare.

youhaveitall

Continua a leggere

I-Zenborg

I-ZenborgSiamo nel 1986 e i dinosauri dovrebbero essere estinti da 65 milioni di anni o giù di lì, chi avrebbe mai potuto immaginare che alcuni esemplari fossero riusciti a sfuggire alla catastrofe che causò l’estinzione di massa del Cretaceo, a trovare riparo nel sottosuolo, ad evolvere e a creare una vera e propria civiltà sotterranea, un impero? Tornano così nel XX secolo, sulla Terra i dinosauri, questa volta più forti e intelligenti ma sopratutto, guidati dal terribile Dinosaur Satan Gottes, seriamente intenzionati a riprendersi il pianeta estirpando la piaga dell’umanità, con la forza.

 

Così i giganteschi rettili, trasformati dal Gottes in kaiju, veri e propri mostri giganti, salgono in superficie per mettere a ferro e fuoco le città e per sterminare la popolazione ignara.

Continua a leggere

Mao Ichimichi

Mao Ichimichi as  Luka Millfy/Gokai Yellow Torniamo a parlare di Super Sentai e già che ci siamo parliamo pure di gravure idol.

Per semplificare, magari approfondirò in un post dedicato, una gravure idol è una modella giapponese che principalmente posa per riviste maschili, album fotografici e DVD, indossando spesso  costumi da bagno o lingerie in pose e atteggiamenti decisamente ammiccanti.

 

A proposito di gravure idol, oggi vi presenterò Mao Ichimichi (市道 真 央Ichimichi Mao) nata 1 febbraio 1992 a Osaka, in Giappone che oltre ad essere una modella è anche una showgirl e un’attrice nota per il suo ruolo di Luka Millfy / Gokai giallo nella serie Super Sentai Sdel 2011 Kaizoku Sentai Gokaiger.
 
Mao Ichimichi ha fatto il suo debutto sotto il nome d’arte di Rio Minami nell’ottobre 2006 come membro  del gruppo di idol di Horipro Osaka. Nel 2007 è apparsa nello show Enter!371. Dopo l’uscita del DVD  Ike Ike Go! Go ! HOP Club, nel 2011, Mao lascia il gruppo Horipro Osaka per trasferirsi a Tokyo e diventare conduttrice nello show Sakiyomi Jan Bang!.
 
Nel 2011, Mao Ichimichi ottiene il ruolo di Luka Millfy, il Gokai giallo della serie  Kaizoku Sentai Gokaiger e, nel giugno dello stesso anno, ha pubblicato il suo primo  DVD da solista, A Distant Shore , insieme a un libro fotografico con lo  stesso titolo. Di seguito una mini gallery fotografica della bellissima Mao.

Continua a leggere

Chomsky e i Grammar Nazis

aishinozakiIo sono un informatico,  che non significa “tizio che smanetta col pc e con lo smartphone” per cui non chiedetemi perché il vostro computer nuovo si riavvia da solo e vi apre delle finestre con le donnine nude, anche perché sapete benissimo la risposta; come informatico, dicevo, apprezzo molto le grammatiche generative e il lavoro di formalizzazione di Noam Chomsky degli anni ’50. Trovo che la possibilità di utilizzare ricorsivamente un dispositivo formale per enumerare  tutte e le sole frasi di un linguaggio, compresi i linguaggi naturali, sia, come dire, poetico e trovo che la teoria sui linguaggi universali, sulla possibilità, cioè, che i principi della grammatica siano presenti in tutte le lingue e siano codificati nel cervello umano, al punto da permettere ad un bambino di apprendere la propria lingua madre in pochissimo tempo, per quanto ardita sia una tesi davvero suggestiva.

 

Ora, per quanto io apprezzi la formalizzazione matematica, anche dei linguaggi naturali come l’italiano,  mi sono trovato  totalmente d’accordo con l’articolo di Davide Mana a proposito dei grammar nazi. A parte l’interessante escursus di Davide, che ci spiega quanto l’espressione grammar nazi sia scorretta anche dal punto di vista etimologico e sia frutto di un’inversione semantica (ciò a riprova dell’ignoranza intrinseca di chi di tale titolo ha pure il coraggio di fregiarsi), l’articolo invita ad una serie di riflessioni e io, che ricordo, sono un informatico, mi ritrovo a pensare che la grammatica, in fondo, serva a formalizzare un pensiero in un linguaggio naturale, sia un canale di comunicazione fra una sorgente e una destinazione, linguaggio naturale che non solo evolve, per sua stessa definizione, ma che proprio per la teoria delle grammatiche universali è comprensibile mediante la semplice contestualizzazione al di là degli errori formali, attraverso  l’insieme di conoscenze che, secondo la  Teoria della competenza, permettono ad un parlante nativo di produrre e comprendere messaggi verbali nella propria lingua.

 

Questa mia digressione non vuole essere una difesa dell’ignoranza, ma solo una presa di posizione contro coloro che, spesso, in una discussione verbale o no, non avendo argomenti per controbattere una tesi, per contrastare un messaggio, si appellano alle regole formali alla ricerca del refuso o dell’errore, in molti casi dimostrando una padronanza delle stesse regole non sufficiente a correggere alcunché ma sopratutto dimostrando, nella migliore dell’ipotesi scarsi argomenti e nella peggiore un atteggiamento doloso insito in un attacco non sui contenuti ma sulla forma.

 

Un atteggiamento appunto nazista come costoro amano essere definiti e, sono d’accordo ancora una volta con Davide, in ogni caso i nazisti perdono sempre.

 

Nota. Se vi state chiedento il perché dell’immagine associata all’articolo sappiate che l’alternativa era un esempio di linguaggio generato da una grammatica scritto su una lavagna, ma, credetemi sulla parola, non aveva lo stesso impatto visivo di Ai Shinozaki.

 

Archivi



I più letti