• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

Leverage

Leverage

Da qualche giorno ho cominciato a guardare questo telefilm prodotto per la TV americana  TNT e riconfermato già per la quinta stagione. Il serial TV prodotto da John Rogers e Chris Downey, a partire dal 2008, è una serie d’azione e d’avventura con episodi di circa 45 minuti.

Leverage è il nome di una squadra eterogenea formata da un ex-investigatore assicurativo caduto in disgrazia e da quattro criminali professionisti specializzati in truffe, furti e effrazioni che insieme formano una squadra unita al motto di “I ricchi e i potenti si prendono quello che vogliono, noi vi ridaremo il mal tolt0” ed è proprio quello che fanno i ragazzi di Leverage, letteralmente “leva finanziaria” quella stessa che permette al potere di sovrastare la gente comune.

 

Ogni episodio del  telefilm si svolge secondo una trama ben definita. Il team, di quelli che si autodefinsicono “consulenti” , incontra il “cliente” e accetta il caso. Viene studiato il cattivo di turno e viene elaborato un “piano” che consiste in un qualche genere di truffa volta a ristabilire le giuste proporzioni. Le operazioni procedono e i ragazzi di Leverage sembrano  inizialmente avere la peggio, la truffa è nascosta anche al punto di vista di quello che guarda dal divano. Nel finale miracolosamente le parti si invertono e il bene trionfa mentre allo spettatore vengono spiegati, attraverso una serie di flashback, le fasi e le evoluzioni della truffa che erano state in precedenza celate.

 

Per i canoni attuali, Leverage, con il suo plot ripetitivo, la mancanza di un unico filo conduttore che si svela, piano piano, dietro ogni storia e i suoi enormi buchi di sceneggiatura può essere ricondotto ad un telefilm di serie B, ma è proprio questo il segreto del successo programma.

 

Leverage è una serie leggera che non prende mai troppo sul serio; non è necessario seguire ogni episodio nel giusto ordine per capirci qualcosa (La7 infatti li ha trasmessi a caso), non ci sono trame oscure e , complotti immaginari, sembra di tornare ai tempi di  A-Team con tutta la spensieratezza di una serie dove, nonostante le ambiguità di fondo, è chiaro chi sono i buoni, chi sono i cattivi e dove il lieto fine è assicurato.

 

Vediamo chi sono i protagonisti di Leverage:

 

Mastermind: Nathan Ford (Timothy Hutton) un ex investigatore assicurativo che dopo la perdita del figlio a causa del rifiuto della IYS, l’assicurazione per cui lavorava, di supportare le cure sperimentali che avrebbero salvato il bambino piomba in un periodo di crisi e depressione. Divorzia dalla moglie, lascia la compagnia, diventa un alcolista. Riesce a ritrovare, in parte, se stesso solo grazie alla squadra Leverage, di fatto una nuova famiglia, e grazie alla nuova attività dove non più servo di una multinazionale riesce realmente ad aiutare i bisognosi e a punire i malvagi là dove la legge non può arrivare.

 

GrifterSophie Devereaux (Gina Bellman) è un’aspirante attrice anche se nessuno ha mai avuto il coraggio di dirle che non è assolutamente portata per il palcoscenico ma, dotata di una naturale empatia e di una profonda conoscenza dell’animo umano, quando lavora come truffatrice e come ladra di opere d’arte,  è in grado di far venir fuori tutta la sua vena artistica riuscendo ad immedesimarsi in qualunque personaggio al punto di dimenticare, quasi, la sua vera identità che non è nemmeno quella di Sophie con cui è conosciuta dai compagni di Leverage. Sophie e Nathan hanno una chiara attrazione reciproca che per vari motivi stenta a decollare durante la serie

 

HitterEliot Spencer ( Christian Kane), picchiatore, guardia del corpo, ladro, assassino, cecchino, soldato. Imbattibile nel corpo a corpo  ed esperto di armi si autodefinisce “esperto di recupero”. Lui è il braccio armato di Leverage, quando c’è da menare le mani arriva Eliot; in diverse occasioni, tuttavia, si scoprono di lui dei lati sorprendenti sia dal punto di vista sentimentale che da quello più meramente intellettuale che lo portano in molte occasioni a tirare fuori dai guai i compagni.

 

HackerAlec Hardison (Aldis Hodge) esperto di informatica e di tecnologia è in grado di maneggiare qualunque tipo di apparecchiatura elettronica per metterla al servizio dei compagni. Non c’è banca dati in cui non possa entrare, non c’è sistema di videosorveglianza che non possa violare. Ama i trucchetti scenografici e le esagerazioni; il suo ruolo è indispensabile nella squadra.

 

Thief: Parker (Beth Riesgraf) ladra, acrobata, borseggiatrice. Orfana e vittima di un’infanzia difficile è diventata una ladra per necessità. Parker è in grado di forzare cassaforti, camminare su cornicioni, calarsi da un grattacielo con la stessa disinvoltura con la quale noi prenderemmo un caffè. Di fronte ad una situazione che implichi un carico emotivo, però, finisce in preda al panico. Nel telefilm si nota una certa attrazione con Hardison ma le circostanze e il carattere introverso di Parker non aiuta ad uno sviluppo in senso sentimentale della loro amicizia.

 

Beh vi lascio proprio con una galleria della bellisima Beth Riesgraf

 

Archivi


I più letti