• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

paranoia

Nel nome dello Spread!

Qualche considerazione sugli ultimi avvenimenti politici. Buone notizie: ci siamo quasi liberati di cavalier pompetta. Fine delle buone notizie. Eh sì, se è pur vero che il governo Berlusconi sembra ormai avere i giorni contati, il merito non è dell’opposizione né tanto meno dell’inesistente indignazione degli italiani; tutto ciò non ha mai impensierito più di tanto il più grande statista degli ultimi cinque secoli. A pensare a far cadere il governo è stato il consesso internazionale, le risatine compiaciute dei leader d’occidente, che, nel nome dello Spread, hanno decretato, di fatto, il licenziamento del leader maximo, che hanno incrinato il cerone che nascondeva le vergogne di un sistema fragile come un castello di sabbia fatto di intrecci,  favori e interessi convergenti. Adesso più o meno tutti stanno festeggiando la fine di un’era attendendo per motivi diversi un governo non politico, da destra perché le elezioni in questo momento sarebbero una disfatta e da sinistra perché la scontata vittoria li porterebbe a governare il paese che, per di più, ha bisogno di misure impopolari. Ed è proprio questo il problema: le misure che ci si appresta a varare sono pensate dalla finanza UE per il bene dell’Europa e per salvarsi dal baratro, per arginare le speculazioni, l’Europa è pronta a sacrificare l’Italia. Nei prossimi mesi ci saranno, in italia, interventi sul welfare, sul lavoro, sulla sanità, sulla pubblica amministrazione, sugli enti locali, sulla scuola, tutto per alleggerire la pressione sulle borse europee. Credo che questo sia stato davvero il momento peggiore per far fuori Berlusconi e sono quasi certo che l’invasione di un paese straniero o quello che ci piace tanto chiamare default non sarebbero stati poi peggiori di ciò che ci aspetta.

L’altra faccia dei bamboccioni

«Mandiamo i bamboccioni fuori di casa» diceva  con estrema brutalità e molta ironia l’allora ministro del tesoro Padoa-Schioppa davanti alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato durante i lavori per la Legge Finanziaria del 2007. Da quel momento il termine “bamboccione”, riferito ad un ragazzo/a che ha superato di gran lunga l’età per andare via di casa ma che rimane a crogiolarsi nel lettone di mamma e papà, è diventato un comune modo di dire che su innesta benissimo nella realtà italiana  anche prima dell’attuale “crisi” economica, ma sopratutto nell’attuale crisi di fiducia nel futuro.

Sui bamboccioni sono state fatte migliaia di analisi sociologiche tentando di raffrontare la tendenza dei “giovani” a rimanere a casa il più al lungo possibile con la situazione socio-economica italiana; se è pur vero che il precariato nel lavoro gioca un ruolo importante nel fenomeno così come lo giocano i costi degli affitti e delle case è pur vero che la verità è molto più semplice. I genitori di oggi non sono come i nostri nonni, forse per reazione ad un modello di educazione repressiva degli anni cinquanta i genitori dei bamboccioni  non si preoccupano minimamente di mandare i propri figli fuori di casa a calci nel culo e sono tutt’altro che scontenti della situazione, anche quando si lamentano. D’altro canto non vedo alcun motivo per un ragazzo di andare a vivere da solo dal momento che nella maggior parte dei casi sta in una casa comoda, non deve sottostare ad alcuna regola,non ha problemi col cibo, con la lavanderia, ha il digitale terrestre, Sky col pacchetto della sua squadra preferita, la TV da 50 pollici, tutto questo senza spendere un euro. Per quale motivo uno dovrebbe essere così idiota da andare via di casa, per senso di giustizia? Per voglia di indipendenza? Ovviamente è più che naturale, per un ragazzo, rimanere a casa dei genitori ed è altrettanto evidente che la colpa di questa situazione non è del “bamboccione” ma dei suoi genitori, deboli e paurosi che hanno generato un figlio ancora più debole e totalmente incapace di confrontarsi con qualunque coetaneo di un altro paese. Magari il bamboccione avrà una migliore preparazione, una cultura più ampia ma è sostanzialmente un vigliacco e per riuscire a superare le sue paure, per diventare una persona, se mai ci riuscirà, dovrà fare uno sforzo immane. D’altro canto ci sono pure quelli che rimangono bamboccioni tutta la vita, quelli che non riescono a separarsi dai propri genitori nemmeno dopo essere andati via di casa, dopo aver avuto un figlio, magari due o tre, quelli che comprano casa nello stesso quartiere se non nello stesso condominio dei genitori, quelli che continuano a farsi preparare la pappa dalla mamma, quelli che le camicie me le sa stirare solo mia madre, quelli che non sono mai andati alla posta a pagare le bollette, quelli che utilizzano i nonni come un asilo nido, quelli che pensano che il sacrificio sia pagare una baby sitter per tenere i bambini quando la propria madre ha deciso, anatema, di prendersi un week-end di vacanza. Ancora una volta, responsabili di tutto ciò sono i genitori, che magari si lamentano, ma che amano continuare a sentirsi utili, amano esercitare un ruolo nella vita dei propri figli, pensano di poterli ancora guidare in un mondo profondamente diverso da quello in cui loro stessi sono cresciuti. Un’analisi dura, impietosa, la mia, che riguarda, generalizzando ovviamente, l’assoluto fallimento educativo di un’intera generazione, ma ho scritto queste righe solo per chiarirmi alcuni concetti, solo per cercare di capire se sono realmente riuscito a scampare da un modo di essere che non vorrei mi appartenesse, per riuscire a capire se c’è il rischio di ricaderci, per ricordare a me stesso  quale deve essere l’atteggiamento da tenere con i miei figli per agevolare loro realmente il percorso che li porterà a diventare persone.

Ciao Giuseppe!

Oggi vengo a sapere, da un manifesto funebre, che un mese fa è morto un mio vicino. Non un mio vicino “lontano”, ma proprio il ragazzo che abitava alla porta accanto. Vivo qui da più di cinque anni ormai, di lui non sapevo nulla, nemmeno il nome. Solo qualche ciao e qualche imbarazzante viaggio in ascensore. Non lo conoscevo ma mi è sempre sembrato un bravo ragazzo; sono triste, triste per una giovane vita spezzata ma triste anche perché non so nemmeno cosa se lo sia portato via, triste perché non so davvero nulla di lui e mi ero a malapena accorto  del fatto che mancasse da un po’. Oggi ho scoperto il suo nome, magari a saperlo prima gli avrei fatto una richiesta di amicizia su Facebook… no così non va bene.

Comunque addio Bartolomeo, R.I.P.

Incazzato e stanco!!!

Che giornata di merda. Una tour de force di 8 ore ad un tavolo tecnico-sindacale per qùadrare i conti e spaccare il capello e quando ne esco, distrutto, vengo a sapere che i problemi di un’amica, oggi, sono peggiorati ulteriormente , così penso, ancora:-mavaffanculova-. Certo che non è mai facile (cit.) fra l’altro stasera mi sono pure salito in cattedra per tenere una lezione telefonica, ad un ingegnere, pure in gamba, sui potenziali efetti negativi del mass-mailing mirato sia in termini giuridici che di immagine aziendale e devo dire che subito dopo mi sono sentito idiota come un avvocato che tiene un corso di informatica giuridica cercando di imbastire una discussione tecnica.
Il fatto è che sto pure dormendo poco e male e non credo che sia poi tutta colpa del lavoro. In realtà il 2007 è stato un anno pesante e finora il 2008 sembra peggio. Penso di aver bisogno di una vacanza e di distruggere lo stramaledetto cellullare.

23/10/2010 – In effetti il 2008 è stato maledettamente peggio

Archivi


I più letti