Cos’è reale e cos’è virtuale, se lo chiedono spesso gli autori cyberpunk degli anni ’90 impegnati a creare storie di persone disintegrate che, indossando guanti e occhiali, si realizzano mediante la realtà virtuale per loro più reale di quella vera.

Le esperienze di coinvolgimento offerte dalla realtà virtuale, che hanno la massima espressione nella sopravalutata Second Life, sono tutt’altro che vicine a quelle ipotizzate dai visionari cyberpunk ma alla carenza di tecnologia da sempre sopperisce la fantasia e il cervello ed oggi sempre più spesso RL e VL si confondono grazie ad internet e alle comunità virtuali veri e propri piccoli mondi con proprie regole. In VL un nick è una vera e propria identità e non sono infrequenti i tentativi di portare in reali tribunali le diffamazioni ad un nick. In effetti quando ti trovi a scrivere su un forum, su Usenet, in un blog, quand’anche lo fai con un nick tutt’altro che vicino alla tua identità, in quel momento sei lì, sei la persona che sta scrivendo e la tua personalità è quella che mostri agli altri in quel momento; in pratica metti in gioco la tua faccia anche se è diversa, di solito più bella, di quella vera. Il rischio è, infatti, che la personalità che riesci a crearti in rete sia più simpatica o apprezzata di quella reale e finisci per passare sempre più tempo in VL mettendo da parte la vita vera, i sogni, gli affetti e realizzandoti nella Rete dove trovi tutto quello di cui hai bisogno e dove puoi rifugiarti per scappare dalla vita piatta, monotona, asfissiante di tutti i giorni. Oggi i social network, in un certo senso, confondono ancora di più le acque portando nella VL la vita reale: webcam, fotografie, motti, in un social network, a meno che non si voglia farlo è sempre più difficile crearsi un’identità diversa da quella in RL, in maniera progressiva, anche se c’è la tendenza ad edulcorare i difetti. Tuttavia, anche se alla lunga porta all’alienazione, quanto è migliore un mondo virtuale di politici onesti e dove l’immondizia viene depositata nei cassonetti per poi sparire nelle discariche o negli inceneritori?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.