Proprio il giorno della festa della donna viene chiuso un centro benessere a Verona, gestito da due donne cinesi che sono state arrestate per sfruttamento della prostituzione. La notizia effettivamente non è particolarmente originale; l’associazione centro massaggi (cinese) – prostituzione, ahimè, viene quasi automatica. Del resto basta farsi un giro in alcune zone, per esempio, di Milano, per trovare un centro massaggi orientale ogni 30 metri. Beh non mi vorrete mica raccontare che c’è tutta questa domanda di massaggi shiatzu nella periferia del capoluogo lombardo?

 

Di centri benessere chiusi per prostituzione, poi è pieno il mondo. Persino un mio ex-compagno di scuola ne gestiva uno che è stato oggetto dell’attenzione delle fiamme gialle (fra l’altro non si è nemmeno degnato di invitarmi a visitarlo, prima che lo arrestassero, non si fa così…). La particolarità del centro benessere di Varese, che ne fa oggetto di questo post, è che per fidelizzare i clienti venivano offerte delle tessere fedeltà: ogni cinque massaggi (certificati da un timbrino inequivocabile) il sesto era gratis.

 

Oltre a testimoniare l’ineffabile spirito imprenditoriale di queste donne cinesi, fra l’altro il centro benessere è presente su internet con un sito e una pagina su Facebook, questa storia mi porta a fare una riflessione sulla necessità di regolamentare, seriamente, l’attività di prostituzione in italia. Francamente non mi interessa che le prostitute paghino le tasse o cose del genere ma il fatto che la prostituzione sia legale ma non consentita è davvero un’assurdità giuridica. Lo spirito della legge Merlin, datata 1958, era quello, degnissimo, di punire lo sfruttamento della prostituzione ma nella sua applicazione ha fallito miseramente. Oggi le prostitute fanno quasi parte dell’arredo urbano e questa è una cosa indegna, non perché  ciò possa in qualche modo scandalizzarmi(*), anzi l’effetto che le puttane di strada fanno sulle beghine ne consiglierebbe la diffusione in ogni piazza, ma perché queste ragazze, quasi tutte dell’est europeo e quasi tutte giovanissime, in barba a qualunque legislazione, in molti casi vengono sfruttate e quasi sempre sono costrette a lavorare in condizioni non proprio civili. Inoltre proprio la domanda di un luogo accogliente, in cui fare uso dei favori delle meretrici, ha di fatto portato a tutto un nascere di club privé e centri massaggi eqivoci(**). Quindi cosa diavolo stiamo aspettando a regolarizzare il settore e a mettere la parola fine a questo scempio indegno di un paese civile? Una legge sulla liberalizzazione della prostituzione al chiuso, sponsorizzata dal precedente governo, sarebbe stata la prima legge ad personam fatta dal nano trombadores che mi avrebbe visto completamente favorevole.

 

(*) Personalmente a me non creano alcun fastidio le prostitute per strada e non ho nessuna difficoltà a spiegare ai miei figli la loro presenza agli svincoli di una statale. Devo ammettere, però, di essermi sentito un po’ in imbarazzo la prima volta che, in moto con Pierpaolo, mi fermo ad un incrocio con una provinciale per attendere che passasse l’infinita colonna ci camion e poter attraversare.  Nei due minuti che stiamo stati fermi lì, il bimbo ha attaccato a chiacchierare con una ragazza rumena seminuda in attesa di clienti, fra l’altro simpaticissima. Siccome da quell’incrocio mi tocca passare spesso per andare a casa di mia madre, Pierpaolo si è fatto una nuova amichetta. :-)

 

(**) questo mi fa venire in mente quella volta che ho fatto un week-end a Napoli, con moglie e figlio, utilizzando uno di quei pacchetti prepagati che si comprano dai centri commerciali. Ci siamo ritrovati in un albergo che in realtà era una sorta di motel ad ore ma bellissimo e con delle cameriere strafighe. La cosa divertente è che la sera si riempiva di clienti che sparivano prima dell’alba e divertenti erano anche le conversazioni che si potevano udire dai muri delle stanze adiacenti :-)

9 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Arcangelo Scattaglia su Facebook Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.