chi vota oggi...

Sei mesi fa, più o meno, in concomitanza con le elezioni politiche scrivevo “Chi vota Grillo oggi non venga poi a rompere il cazzo fra sei mesi“, sono passati sei mesi ed eccoci qui in una situazione peggiore di quella in cui ci aveva lasciato il Governo Monti ed eccoli qui i soliti mentecatti a cianciare di ingiustizie sociali e di inciuci.

 

Avete scelto il voto di protesta nel peggiore momento della storia politica italiana, cosa credevate? Pensavate davvero che non si sarebbe andati avanti in un modo o nell’altro? Siete sempre lì, pronti a dire che la sovranità italiana è appaltata alle banche e alle potenze straniere e poi vi contraddicete immaginando un governo di Grillo che armato  di battute old style, crassa ignoranza e tanta demagogia abbattesse gli immaginari poteri forti? L’unica cosa che si poteva fare  sei mesi fa era limitare i danni e invece l’unica cosa che avete ottenuto è la resurrezione di Silvio Berlusconi che avete tirato dentro la scena politica per il trapianto tricologico, realizzando quello che fino a pochi anni fa era l’inimmaginabile sogno di D’Alema, un governo di larghe intese fra il Cavaliere e tutti gli altri, con un’opposizione inutile da zittire con un manciata di emendamenti come faceva vostra nonna  quando da piccoli vi dava le “Rossana” se promettevate di fare i bravi bambino.

 

Adesso continuate pure a farvi ridere dietro con le vostre interpellanze parlamentari sui costi delle brioche alla bouvette, le vostre ridicole raccolte di firme, i vostri tentativi inutili di far emergere scandali noti da quaranta anni,  ma sappiate che i responsabili di tutto quello che sta succedendo siete voi, non Grillo o Casaleggio, ma voi che con il vostro voto avete fatto esattamente il gioco di chi sperava nelle larghe intese, avete riportato indietro il cadavere di Berlusconi dalla fossa in cui DA SOLO era riuscito a precipitare, avete istituzionalizzato quelli che negli ultimi venti anni erano accordi fatti a cena e di nascosto per decenza.

 

Ci sarebbe da ridere se non fossi costretto a condividere insieme a voi le sorti di questo paese del cui sfacelo siete totalmente responsabili, perché la colpa è vostra, non di chi vi rappresenta e voi, voi che, mentre vi davate da soli pacche sulle spalle, avete votato facendovi abbindolare dagli gli improperi di un comico decadente, insieme a me, oggi siete rappresentati da Letta e da Berlusconi

 

Adesso siamo in estate, non ci pensate, se siete al mare con il vostro smartphone preso a rate potete mettere sempre il “mi piace” alle sciocchezze sulle pensioni d’oro e sugli F35, però vi prego quando a settembre ci riempiranno di nuove tasse, emaneranno nuove leggi  ad personam per salvare qualche culo flaccido, vi imporranno una nuova legge elettorale che favorirà gli interessi dei partiti, vi prego non rompete il cazzo perchè la responsabilità di tutto ciò è solo vostra e io ve l’avevo detto.

 

4 commenti
  1. giuseppe tararà
    giuseppe tararà dice:

    lo ammetto io ho compiuto l’errore…. ma con l’ingenuità di cambiare veramente le cose ma di almeno mischiare le carte del mazzo….. delusione completa….. l’unico partito con piu voti allora della storia italiana estromesso completamente da qualsiasi ruolo del governo…. l’incompleta capacità………l’unico che vedo furbo è casaleggio….. ma il partito in se stesso e na massa liquida che produce fin troppo spesso risultati altamente imbarazzanti.
    siccome non prevedo un futuro molto roseo nei prossimi anni e ne succederanno delle brutte alla fine studiando mi son deciso si darmi all’anarco capitalismo più selvaggio, almeno non morirò di fame!

    Rispondi
    • Angelo
      Angelo dice:

      Era prevedibile che una terza forza in dissonanza e contrapposta al sistema in maniera radicale avrebbe portato alle larghe intese fra i partiti tradizionali, però l’anarco-capitalismo mi ispira :-)

      Rispondi
      • giuseppe tararà
        giuseppe tararà dice:

        da quando ho incominciato a leggerli, il signor rothbard, von mises e ancora piu indietro bastiat stanno diventando i miei eroi….. pero anche se posso dirmi a grandi linee anarco capitalista ho sempre quella piccola venatura socialista che non guasta mai, un minimo di welfare da usare in modo mirato in alcuni casi è necessario oltre che giusto….. il denaro è solo un mezzo non un fine.

        Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.