Il mondo politico discute un progetto di legge bi-partisan per abbassare il limite (da 10 a 5 anni) per permettere agli immigrati regolari di votare alle amministrative. La ratio del provvedimento è quella di permettere a gente che, comunque, contribuisce allo sviluppo sociale ed economico del paese di poter prendere parte alle decisioni. Immediate le reazioni dei “partiti” della destra populista pronta a vedere nella possibile estensione del diritto di voto un nuovo attacco dall’interno alla repubblica.

Per come la vedo io, beh il diritto di voto è una cosa seria ed è giusto che questo debba essere concesso solo a chi effettivamente abbia dei legami col territorio e ne conosca le basi e i principali riferimenti storico politici… il mio sogno è una cabina elettorale con un bel chiosco multimediale dove prima di votare ci sia un piccolo questionario per verificare quanto il votante è legato alle proprie radici e alla propria identità… niente di difficile eh, domande a risposta multipla tipo “Chi è il presidente della Repubblica: Silvio Berlusconi, Fabrizio Corona, Giorgio Napolitano”, oppure “Qual’è il capoluogo della regione Lazio: Roma, Lazio, Inter”. Se il cittadino risponde correttamente passa alla scelta del proprio rappresentante altrimenti viene rimandato alle elezioni successive…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.