Dopo Jules Verne e Johannnes Kepler tocca ad un italiano andare a dare una mano agli ospiti della ISS. La scorsa notte, così, dalla solita base spaziale europea di Kourou, nella Guyana Francese, è stato lanciato l’Ariane 5 modificato per trasportare in orbita i moduli  automatizzati ATV (Automated Transfer Vehicle), con a bordo l’ATV-003 “Edoardo Amaldi”

Gli ATV sono delle navi cargo automatizzate dalle dimensioni quasi di due autobus e dal peso di circa 20 tonnellate progettati per sostituire la navetta Progress nelle missioni di rifornimento della Stazione Spaziale ISS. Un ATV è in grado di portare in orbita fino a 9 tonnellate di merce suddivisA in  5500 kg  fra beni alimentari, carichi scientifici e in genere oggetti solidi, fino a 840 kg di acqua potabile, fino a 100 kg di gas (idrogeno, azoto, ossigeno…) e fino a  4700 kg di propellente per i motori di manovra della ISS. L’ATV è un mezzo non riutilizzabile e dopo aver completato il rifornimento della ISS viene sganciato dalla stazione verso un’orbita di rientro bruciando nell’atmosfera insieme ai rifiuti (fino a 6,5 tonnellate) eventualmente caricati a bordo.

Edoardo Amaldi, il cui nome è associato a questo cargo, fu un fisico italiano nato nel 1908, Amaldi  fece parte, insieme a Enrico Fermi,  del gruppo dei “ragazzi di via Panisperna”, gli scienziati che fecero i primi esperimenti sulla fissione dell’atomo culminati nel Nobel per la Fisica attribuito a Fermi nel 1938. Amaldi contribuì inoltre a creare l’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) e il CERN di Ginevra di cui fu anche presidente.

La missione dell’ATV-003 “Edoardo Amaldi” durerà cinque mesi; per il 2013 è previsto il lancio dell’ATV-004 “Albert Einstein” mentre per il 2014 quello dell ATV-005 “Georges Lemaître”.

Anche a seguito della fine dei viaggi dello Space Shuttle l’ESA sta progettando una versione dell’ATV con equipaggio in grado di lanciare  3 astronauti in orbita bassa terrestre con un razzo Ariane 5. Per completare il progetto si prevede una spesa di circa 2 miliardi di euro.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.