Nel 1980 avevo sette anni, odiavo mettere qualsivoglia cappuccio, uscivo in bicicletta per le strade, restavo tranquillamente solo in casa, giocavo con i soldatini, guardavo tanti cartoni animati. A quei tempi mi ammalavo più o meno una volta l’anno e la cosa mi faceva terribilmente piacere tranne quando succedeva d’estate.
Negli anni ’80 non esisteva il telefonino e il telefono di casa era grigio, pesantissimo e aveva una rotella forata per comporre il numero se non eri in casa non eri rintracciabile, al limite c’erano le cabine a gettone, e se perdevi una puntata di goldrake dovevi aspettare le repliche perchè non c’era il VCR e per molti la tele era ancora in bianco e nero. No, non c’era internet e anche se davano i Ragazzi del Computer sulle prime TV private non esistevano nemmeno i PC. Le consolle erano Atari, avevano appena sostituito Pong ed erano appena usciti i primi Commodore. Non c’erano gli MP3 e nemmeno i CD, esistevano i giradischi già a 45 e 33 giri c’erano pure i mangiadischi, i 78 giri erano roba da vecchi conosciuti per sentito dire ; c’erano già le cassette per registare la musica dalla radio o con un po’ di fantasia dalla TV quando c’era Sanremo. Certo la musica era orrida ma erano sempre gli anni ’80. Gli anni ’80… ne riparleremo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.