Ho già avuto modo di scrivere cosa penso della democrazia diretta, in breve,  concedere ai cittadini la possibilità di legiferare su questioni di cui sanno poco o nulla equivale un po’ a fare le leggi col testa o croce.

DEMOCRAZIA DIRETTA

La democrazia diretta prevede che i cittadini, in quanto popolo sovrano siano anche legislatori e possano proporre e votare direttamente le leggi ordinarie e attraverso diversi istituti di consultazione popolare e diverse forme di partecipazione popolare.

DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA

La democrazia rappresentativa prevede che i cittadini eleggano, attraverso una consultazione popolare, i propri rappresentanti  a cui delegare il compito di proporre e votare le leggi ordinarie

Appare, dunque, subito evidente che il punto debole di entrambe le democrazie siano i cittadini. Al singolo cittadino, come unico requisito per esercitare l’enorme potere di contribuire alle scelte di un paese, viene richiesto un limite d’età, di solito basso. Da qui il grosso limite dell’impianto democratico che tanto più manipolabile quanto più sono manipolabili le masse e, in un sistema come l’attuale, dove la scuola è ridotta ad un posto per parcheggiare i ragazzi mentre i genitori sono a lavoro e la cultura è propugnata quasi completamente dai media, le masse sono molto, troppo manipolabili.

La campagna per l’ormai imminente referendum abrogativo è stata esemplare per spiegare quello che voglio dire. I sostenitori del “NO”, di fatti, hanno un controllo totale dell’informazione tradizionale (TV, radio e giornali) col risultato che per far fallire il referendum non raggiungendo il quorum(*) hanno pensato che fosse sufficiente non fornire alcun tipo di informazione ai cittadini. Fosse stato cinque anni fa o un quesito meno “interessante” avrebbero avuto ragione. Nel frattempo, però, sono entrati in scena nuovi media meno tradizionali ma non per questo meno potenti in fatto di manipolazione delle masse e della realtà; parlo di internet e dei social network. I social network sono uno strumento difficilmente controllabile dall’esterno ma con un grosso limite: quando un meme si diffonde non è più possibile fermarlo finché non estingue da solo.

Cito Wikipedia

Un meme è una riconoscibile entità di informazione relativa alla cultura umana che è replicabile da una mente o un supporto simbolico di memoria, per esempio un libro, ad un’altra mente o supporto. In termini più specifici, un meme è “un’unità auto-propagantesi” di evoluzione culturale, analoga a ciò che il gene è per la genetica.

L’informazione può essere una leggenda metropolitana, un nuovo vezzo culturale, un concetto, in questo caso “4 SI ai referendum”. I social network, di fatto, hanno mandato a puttane tutto il lavoro di insabbiamento svolto dai media tradizionali: oggi tutti in italia sanno che c’è un referendum e sanno vagamente di cosa parlano i quesiti e andranno a votare SI perché hanno paura. Il fatto è che internet questa volta è stata usata non per fare informazione ma per fare propaganda a senso unico instillando dubbi, lanciando accuse, dicendo falsità e alimentando il terrorismo psicologico senza alcun contradittorio, se non altro perché, dall’altra parte se ne sono accorti tardi. Non sto facendo una valutazione sul referendum, si badi bene, ci sono ottimi motivi per votare SI e altri altrettanto buoni per votare NO, il mio è più un discorso, come dire, cybersociale.

Il punto dunque, indipendentemente dagli strumenti utilizzati, rimane sempre che l’opinione delle masse è facilmente manipolabile, basta saper premere i tasti giusti e più i media saranno pervasivi nella società, più la democrazia sarà a rischio di controllo di un Ente superiore, del resto Geroge Orwell queste cose le aveva scritte già nel 1948.

Il mio invito dunque è sempre quello di cercare di valutare le questioni utilizzando il proprio metro di giudizio senza volersi omologare a tutti costi all’opinione corrente, un po’ di sano spirito di contraddizione aiuta a valutare le questioni da tutti i punti di vista e a scegliere con più serenità. Con i nuovi media, fra l’altro, è ancora più difficile valutare bene. Mi spiego meglio: se un opinione viene esposta in TV da una persona da tutti riconosciuta essere un cretino tale opinione verrà scartata indipendentemente dal suo contenuto informativo; un meme che si diffonde invece, se pure partorito da un idiota, ha l’avvallo di migliaia di menti e viene gioco forza ritenuto affidabile.

E’ notizia di questi giorni quella di un interessante esperimento in Islanda, dove si sta scrivendo la nuova costituzione utilizzando internet per consentire a tutti i cittadini di partecipare direttamente alla sua stesura. In realtà  la supervisione dell’università di Reykjavík è molto forte e i cittadini dell’Islanda sono meno che quelli della città di Bari; questo esperimento di democrazia diretta, tuttava, rimane un interessante probabile fallimento da studiare con attenzione.

(*) i referendum abrogativi in italia prevedono, per essere validi, il raggiungimento del 50%+1 dei votanti. La cosa ovviamente si presta a forti manipolazioni sui cittadini dal momento che basta convincerne un buon numero a NON fare nulla per ottenere l’annullamento del referendum. Tuttavia l’esistenza del quorum ha un suo motivo di esistere. Nelle consultazioni referendarie io sono chiamato a votare non per eleggere un mio rappresentante ma per abrogare una legge votata da questi; dover intervenire personalmente per correggere il tiro, oltre palesare il fallimento della democrazia rappresentativa, significa anche che posso essere chiamato a decidere su questioni che magari non mi interessano perché troppo tecniche o poco rilevanti nell’impianto legislativo generale, da questo punto di vista l’astensione assume un forte significato politico di richiamo ai rappresentanti e ai cittadini che hanno sprecato risorse per una consultazione inutile/dannosa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.