Continuando a parlare dei mitici telefilm degli anni ’70 con i mostri giapponesi, quello che in Italia ha riscosso maggior successo, forse grazie alla sua chioma fluente è indubbiamente Me-me-ga-ga-lo-lo-man… si insomma Megaloman.

LA STORIA

Sulla stella Rosetta una tragedia si compie. Una cruento colpo di stato si abbatte sulla pacifica vita dei suoi abitanti; Capitan Delitto, della tribù del Sangue Nero, a capo di un’orda di orribili e sanguinari mostri assurge al potere uccidendo il capo della tribù dei Mana che, per anni, aveva preservato la pace fra i popoli.
Rosemary e suo figlio Takashi, la moglie e il figlio del capo tribù defenestrato, tuttavia, riescono a sfuggire all’eccidio imbarcandosi su un’astronave di fortuna e facendo rotta verso il lontano pianeta Terra.

Sulla Terra, da profughi, cercano di adattarsi conducendo una vita “normale” e seguendo le strane usanze terrestri. Takeshi, quindi, cresce fra i suoi coetanei terrestri e comincia anche a praticare arti marziali iscrivendosi in una palestra di kempo dove prenderà lezioni dal maestro Takamine e stringerà una forte amicizia con alcuni suoi coetanei, pure essi allievi del maestro: Ran, Heizuke, Seji e Ippei.

La vita sembra scorrere tranquilla ma un terribile giorno la Terra viene attaccata, come fu per la stella di Rosetta, da Capitan Delitto che, ben rintanato nello spazio, manderà i suoi terribili mostri alieni per fiaccare le scarne difese del nuovo mondo da conquistare.
Questa volta, però, Rosemary è decisa a non fuggire così decide di combattere i mostri e consegna al figlio Takeshi dei bracciali con i quali potrà acquistare dei poteri straordinari e diventare il gigantesco Megaloman pronto a combattere contro il male in difesa della Terra.
Takeshi diverrà così Megaloman e nella sua ardue battaglie contro Capitan Delitto sarà aiutato dai suoi nuovi amici terrestri a cui Rosemary donerà  altri braccialetti per permettere loro di trasformarsi in una squadra di supporto (una specie di Power Rangers ante litteram) e di affiancare Takeshi durante i combattimenti.
La serie dopo varie peripezie si concluderà in un finale drammatico e pieno di suspance in cui Takeshi-Megaloman dovrà scontrarsi in un duello all’ultimo sangue con Capitan Delitto, ciò subito dopo aver scoperto che il suo sanguinario nemico, in realtà, è suo fratello che credeva perduto e che invece era stato rapito, allevato e condizionato dalla tribù del Sangue Nero.

MEGALOMAN

Megaloman non è altri che Takeshi che si trasforma in una specie di cyborg gigante pronto a difendere la Terra.
La sua arma principale è la fiamma di megalopoli, una enorme scarica di energia emessa dalla lunghissima chioma di Megaloman. Dopo aver utilizzato la sua arma più potente Megaloman esaurisce le sue scorte energitiche e impiegherà circa tre minuti per poter esere nuovamente in grado di combattere.

CARATTERISTICHE DI MEGALOMAN

Altezza: 150 metri
Peso: 8.800 tonnellate

CAST

Takashi Shishido/Megaloman/Captain Dagger(Delitto) – Yuki Kitazume
Berlock – Susumu Kurobe
Ran Takamine – Madoka Sugi
Rosemary Shishido – Yukiko Takabayashi

CREDITS

Titolo Originale: Megaroman – Hono o no Senshi
Creato da: Tetsu Kariya
Musiche:Ichiro Mizuki
Casa di Produzione: Tsuburaya Productions
Episodi: 33 episodi da trenta minuti (31 trasmessi in Italia) trasmessi la prima volta nel 1979 da Fuji Television

Questo articolo è stato pubblicato sulla vecchia versione di Ucronia.it e su Supereva.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.