L’Espresso ha pubblicato, in questi giorni, una particolare recensione, di un film (l’Espresso parla di fiction TV ma a me risulta trattarsi proprio di pellicola per il grande schermo) realizzato in Russia nel 2004 dal titolo Lychnyy Nomer(Личный номер), in italiano “Conto alla Rovescia”. Normalmente questa sarebbe una non-notizia se non fosse per la trama del film che, riporto da IMDB

A terrorist organization know as “Ansar Allah” is preparing to turn the city of Rome into a City of Dead. But the heroism of Smolin, professionalism of Catherine Stone, help of Umar (from Chechnya) together with the cooperation of Russian and western special forces will save the world from evil terrorists. Written by Pavel P.

Detto così potrebbe sembrare la solita scopiazzatura dei colossal americani dove ci sono i cattivi terroristi islamici e i buoni e integerrimi difensori della giustizia che alla fine trionfano ristabilendo il giusto equilibrio fra il bene e il male;  l’unica notizia di rilievo, dunque, sarebbe che il film è in parte ambientato a Roma.

Se andiamo però ad approfondire si scopre che il film è stato prodotto con la consulenza del vice-direttore dell’FSB  (Servizi federali per la sicurezza della Federazione russa) , l’erede del KGB sovietico e, sostanzialmente, serve a rilanciare, l’immagine del Presidente Putin, all’epoca dell’uscita del film offuscata da alcuni avvenimenti  in cui il presidente  e i servizi segreti non ci avevano fatto esattamente una bella figura (teatro Dubrovka e scuola di Beslan). La cosa che però fa morir dal ridere è la trama del film. In pratica questa cellula di terroristi dopo aver fatto una strage in Russia decide di colpire Roma e il nostro amato presidente del consiglio durante il G8. Vedremo così un premier interpretato da Orso Maria Guerrini(quello della Birra Moretti) scorazzare per Roma in auto blu protetto dalla sua scorta e minacciato dai terroristi islamico-ceceni. Sarà solo grazie al Presidente Putin, che invierà a Roma i suoi migliori uomini, che,  fra scazzottate, inseguimenti e sparatorie, il primo ministro italiano porterà a casa la pelle ringraziando la Santa Madre Russia.

Il film è facilmente reperibile anche in DVD su Amazon, ed è uscito anche in versione americana col titolo “Cownt Down – Mission Terror”. Ad essere onesti sia a vedere il trailer che a leggere le non italiche recensioni il ruolo del premier italiano non mi sembra propriamente caratterizzato sulla figura di Silvio Berlusconi e non è nemmeno centrale nella trama del film, resta il fatto che la scelta di Roma e il tono della pellicola meritavano questo articolo se non altro per potersi fare, ogni tanto, due risate sulle vicende politiche interne di un paese “amico”.

P.S. Grazie Sonia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.