Questa sera sono in grado di annunciare agli americani e al mondo che gli Stati Uniti hanno condotto un’operazione che ha ucciso Osama Bin Laden, il leader di Al Qaida, un terrorista responsabile della morte di innocenti… (Barak Obama – 2 maggio 2011)

Preso dai ritmi della vita frenetica mi accorgo ora di non aver parlato, ancora, dello spumeggiante inizio della campagna per le presidenziali americane, sì insomma, dell’eliminazione del ricercato numero uno dell’FBI. Dopo  nemmeno dieci anni, finalmente, sono riusciti a stanare Osama Bin Laden. Il pericoloso terrorista che viveva in clandestinità fra una villa con piscina e una suite imperiale,è stato ucciso nella notte fra l’1 e il 2 maggio da un commando americano che ha preso d’assalto la villa ad Abbotabad in Pakistan, dove il capo di Al Quaida si rifugiava, uccidendo tutti i presenti.

C’è materiale per imbastire infinite teorie complottiste e  fare trattati di dietrologia spicciola, per quella che è una delle azioni meno credibili dell’intelligence americana. Resta il fatto che, comunque sia andata,  è stato eliminato un simbolo di unità per l’estremismo islamico e, alla fine dei conti, ci sono riusciti senza nemmeno renderlo un martire, in effetti l’hanno fatto passare come un povero latitante finito ammazzato.

Ad ogni modo, la morte dello sceicco del terrore ha oscurato, sui media, l’insulso matrimonio del secolo e la faccenda del beato papa, e questo potrebbe persino essere considerato il primo miracolo di Bin Laden, tale da renderlo un giorno beato o santo, se decidesse di convertirsi, e comunque gli ha fatto meritare tutte le vergini del suo paradiso.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.