Altro che censura, un tavor ci vorrebbe. Da mesi l’Autorità garante per le Telecomunicazioni ha lanciato una consultazione pubblica per scrivere un provvedimento per regolamentare il diritto di autore. Dopo il solito casino sui blog al momento del lancio della consultazione non si è sentito più nulla fino a oggi, quando la delibera è pronta ad entrare in vigore.

Subito è partito il nuovo meme “vogliono uccidere internet con la censura perché strumento di democrazia popolare”, meme che ovviamente ha fatto presa sulle deboli menti dell’internauta italiano ormai rimbambito da decenni di TV spazzatura. Un tempo si diceva che con le scuole chiuse e tanti bambocci annoiati in libera uscita, internet diventava invivibile, oggi internet è davvero specchio della realtà: ci sono troppi imbecilli tutto l’anno!

Cosa farebbe il provvedimento dell’AGCOM, in pratica? In buona sostanza i detentori del diritto d’autore potranno rivolgersi direttamente all’AGCOM chiedendo la rimozione dei contenuti che, senza passare dall’autorità giudiziaria, potrà ordinare agli ISP di provvedere. Questo sarebbe il grimaldello per distruggere la libertà digitale, per uccidere la internet italiana? Ma fatemi il piacere… in realtà questo è ancora una volta un goffo tentativo delle major di arginare il fenomeno dilagante della disaffezione degli utenti al loro modello di business fermo agli anni ’70, fenomeno che loro chiamano pirateria. Tutto ciò c’entra poco o nulla con la censura delle idee ma è solo il colpo di coda di un leviatano in via di estinzione perché non ha avuto il coraggio di evolvere.

Va da se che internet è stata concepita come uno strumento robusto che non può essere fermato con questi mezzucci se non altro perché tecnicamente inattuabili, non ci sono riusciti i cinesi con un assedio di stampo militare figurarsi qualche burocrate italiano con la sua collezione di VHS nell’armadio. C’è da dire, però, come accennavo prima, che non è detto che questa robustezza del mezzo sia definitivamente un bene: l’ha dimostrato l’ultimo referendum. A questo giro di consultazioni referendarie, infatti, gli errori del governo e l’utilizzo a senso unico degli strumenti offerti da internet hanno portato la gente, assuefatta a fare quello che dice la massa,  a votare SI senza sapere nemmeno perché. Se questa volta, tutto sommato, si trattava di questioni di poco conto, la prossima volta le campagne su internet potrebbero essere portate avanti da veri(non quelli dei master di Publitalia) esperti di marketing e comunicazione che potrebbero condizionare seriamente le scelte della gente rendendo la democrazia poco più che una barzelletta e non servirà a nulla, allora, condividere ridicoli link su Facebook.  Spero davvero che la lezione impartita dal referendum non sia stata recepita dai nostri governanti e che questi rimangano arroccati sui loro anacronistici  modelli di propaganda; se così non sarà, senza più una scuola a fare da contraltare alla cultura artificiale propugnata dai media non ci saranno difese ne vie di uscita.

P.S. questa mattina mi sono svegliato pessimista

4 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] 2011 Poco dopo il referendum sul nucleare e quando si parlava di AGCOM e diritto d’autore scrissi che presto sarebbe arrivato il giorno in cui avrebbero capito che internet può essere usato per […]

  2. […] Categorie addio ambiente anime astronautica astronomia aviazione cazzeggio cibo cinema compleanno computer criptico curiosità film gabriele gadget gallery giapponesi gnocca internet libri media musica nostalgia paranoia personale pierpaolo politica posti sanità science fiction scienza Senza categoria sesso società tecnologia telefilm TV   jQuery(document).ready(function(){ jQuery("#ngg-slideshow-10-2489-1").nggSlideshow( {id: 10,fx:"fade",width:250,height:160,domain: "https://www.ucronia.it/w/",timeout:10000}); }); « Camomilla digitale […]

  3. […] Sabrina Ferilli o qualche altra VIP dello star system. Questa cosa richiama un po’ il post Camomilla Digitale sulla potenza di internet come mezzo di comunicazione. Giuliana Migliacco come Sabrina Ferilli, due […]

  4. […] Categorie addio ambiente anime astronautica astronomia aviazione cazzeggio cibo cinema compleanno computer criptico curiosità film gabriele gadget gallery giapponesi gnocca internet libri media musica nostalgia paranoia personale pierpaolo politica posti sanità science fiction scienza Senza categoria sesso società tecnologia telefilm TV   jQuery(document).ready(function(){ jQuery("#ngg-slideshow-10-2466-1").nggSlideshow( {id: 10,fx:"fade",width:250,height:160,domain: "https://www.ucronia.it/w/",timeout:10000}); }); « Camomilla digitale […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.