Un commento, un po’ in ritardo, sulle assemblee sindacali di lunedi scorso a Fiumicino. Il personale di terra di Alitalia in risposta ai cambiamenti unilaterali dei turni di lavoro da parte di CAI ha indetto delle assemblee sindacali a cui hanno aderito gran parte dei lavoratori, escludendo ovviamente i precari, coloro che con contratto a tempo determinato sarebbero stati volentieri licenziati dal carozzone nazionale. Tornando ad Alitalia, la carenza del personale di terra ha portato alla cancellazione di oltre 100 voli in partenza e in arrivo da Fiumicino creando inenarrabili disagi.
Io ero li, sono entrato in aeroporto alle 15.00, il mio aereo è decollato da Roma all’1.30 per essere dirottato a Brindisi, da dove la nostra solerte compagnia di bandiera ci ha cortesemente accompagnati, con tre meravigliosi pulmann gran turismo, all’aeropoerto di Bari-Palese dove ci aspettava… non ci aspettava un cazzo di nessuno dal momento che non c’era nemmeno un taxi disponibile.
Di chi è la colpa? Secondo Alitalia di quelli scriteriati scioperanti che hanno fatto uno sciopero illegale protraendo le assemblee oltre il dovuto… scene di panico all’aeroporto, battaglioni di carabinieri a sedare le risse, le povere hostess precarie dell’Alitalia sommerse da insulti dopo aver fatto turni massacranti e aver svolto mansioni non di loro competenza, tutto ciò non perchè qualche lavoratore cercava di esercitare un proprio diritto, come hanno detto ma solo perchè Alitalia ha centellinato le informazioni ai viaggiatori e quando le ha fornite, ha dato informazioni quanto meno contradittorie. Il mio volo è stato rimandato più e più volte prima di essere cancellato, ma non a causa del personale di terra, ho saputo dopo, ma semplicemente del fatto che l’aereo non è mai arrivato a Fiumicino, e il suo arrivo era previsto per le 2.05 del mattino. Il secondo volo su cui ho avuto la fortuna di imbarcarmi è decollato con quattro ore di ritardo per l’assenza del personale di terra che, pur rientrato dalle assemblee, doveva far sbarcare tutti gli aerei rimasti sulla pista nelle ore di “sciopero”. Il fatto è che questo Alitalia lo sapeva benissimo ma non si è mai premurarata di comunicarlo ai viaggiatori ma nemmeno alle hostess di terra costrette a fare da filtro fra viaggiatori inferociti e una compagnia aerea a dir poco carente. La beffa finale quando l’aereo è decollato alla volta di Bari per essere dirottato a Brindisi. Tutti a bordo avevano notizie circa la chiusura dell’aeroporto di Bari, ma Alitalia, dalla voce del comandante, che non ha chiaramente mai avuto il coraggio di farsi vedere dai passeggeri, continuava a rassicurare tutti circa l’atterraggio presso Bari-Palese.
Ovviamente se avessi saputo subito che il mio primo volo era cancellato e non dopo tre ore di false notizie avrei semplicemente noleggiato un auto per tornare a casa entro quattro ore, mentre se avessi saputo che il volo decollato all’1.30 mi avrebbe portato a casa alle 5 e mezza del mattino semplicemente me ne sarei rimasto a Roma per decollare il giorno dopo. Di chi è la colpa quindi?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.