Premesso che, per quel che vale, non ho alcuna stima per le posizioni più volte prese dal sindaco di Firenze e per gran parte delle sue azioni come amministratore, non riesco in alcun modo a dargli torto in questa questione delle aperture dei negozi per il giorno del 1 maggio e ritengo davvero pretestuose le posizioni prese dalla CGIL in merito allo sciopero dei commercianti. Il problema a Firenze come a Bari o in qualunque altra città non riguarda tanto le regole sulle aperture degli esercizi commerciali quanto il trattamento dei lavoratori. Assodato che non sta scritto da nessuna parte nel CCNL del Commercio che non si possa lavorare la domenica o in qualunque giorno festivo, ci sono invece scritte tante altre belle cosine su orari, turni,  riposi pagati, straordinari, ferie non godute che andrebbero applicate alla lettera per garantire davvero ai lavoratori la tutela dei propri diritti. Andrebbero, poi, stroncati con multe salatissime tutti quei datori di lavoro che approfittano della propria posizione per “obbligare” i propri dipendenti di lavorare al di fuori di quelle che sono le regole o con contratti non adeguati alle reali mansioni svolte.

Un commento ad un mio post di qualche giorno diceva che la legge Bersani sul commercio andrebbe abolita: sono d’accordo! Non è possibile che una legge dello stato o regionale e delle delibere comunali possano regolamentare le aperture dei locali commerciali; i commercianti dovrebbero sentirsi liberi di aprire come e quando gli pare in funzione dei flussi di possibili acquirenti e quindi guadagnare di conseguenza. Chiudere i negozi di Firenze (o in qualunque città con un pesante afflusso di turisti) il 1 maggio è semplicemente folle.

La cosa che più mi disturba, tuttavia,  è che si è scelto per innescare la polemica proprio il 1 maggio, la giornata in cui si celebrano le conquiste fatte a tutela dei diritti dei lavoratori, diritti che oggi vengono quotidianamente disattesi senza che gli strenui difensori della chiusura del 1 maggio muovano un dito, non dico per impedire ma almeno per denunciare lo scempio che si continua a fare dello statuto dei lavoratori attraverso l’utilizzo indiscriminato di contratti atipici e a tempo determinato. Assicuratevi, maledizione, che quei lavoratori che dovranno, malgrado tutto, lavorare domenica prossima nei ristoranti, nelle pizzerie e nei negozi aperti abbiano il riposo pagato, assicuratevi che nei centri commerciali la smettano di ricorrere a contratti interinali a carattere stagionale, fate in modo di dare ai lavoratori la certezza di un futuro invece di rincorrere un concetto distorto di flessibilità. Basta con sterili polemiche politiche che diventano scontri fra ultras, è arrivato il momento di tornare a quei valori che hanno permesso di vincere la lotta per porre un limite agli orari di lavoro e che hanno dato origine alla Festa del Primo Maggio. E’ necessario riaffermare il valore di questo giorno simbolico e fare in modo che serva da monito per impedirci di ricadere nelle logiche di sfruttamento da cui i nostri genitori si sono faticosamente affrancati, sperando che non sia troppo tardi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.