OK la foto non è un granché, fotocamere da cellulare e poca luce non vanno d’accordo, ma riprende l’immagine suggestiva di un ipermercato deserto, dove tutto è spento. Un posto, fino a poche ore prima, pieno di gente, di bambini che giocano, di ragazzette che si atteggiano a dive della TV, di giostrine, esibizioni, negozi e luci di Natale è morto, ma di una morte bella, una morte che porta in sé il germe della resurrezione.

Mentre guardavo la galleria in penombra mi è venuto in mente questo:

Credo nella gentilezza del bisturi, nella geometria senza limiti dello schermo cinematografico, nell’universo nascosto nei supermarket, nella solitudine del sole, nella loquacita’ dei pianeti, nella nostra ripetitivita’, nell’inesistenza dell’universo e nella noia dell’atomo.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.