Il codicillo del governo che «abolisce» Dio (o meglio abolisce il diritto di Dio che è stato il primo embrione dei diritti dell’uomo, come vedremo) è l’articolo 31 del «decreto salva Italia». Dove praticamente si decide che dovunque si possono aprire tutti gli esercizi commerciali 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. Norma che finirà per allargarsi anche all’industria nella quale già è presente questa spinta. Dunque produrre, vendere e comprare a ciclo continuo. Senza più distinzione fra giorni feriali e festivi (Natale compreso), fra giorno e notte, fra mattina e sera.

Così Socci sulle colonne del quotidiano Libero a proposito delle aperture domenicali dei Centri Commerciali. Il Governo Monti, spazzando via anni di ordinanze comunali dettate dalle lobby dei commercianti e senza nemmeno starci a discutere ha liberalizzato le aperture dei negozi eliminando la distinzione fra località turistiche e non e limitando la facoltà delle Regioni di legiferare in merito come previsto dalla vecchia legge Bersani. In verità la cosa è passata abbastanza in sordina e credo che solo oggi, dopo più di un mese che tutti i centri commerciali sono aperti la domenica, la chiesa e i sindacati hanno dato il via ad una tiepida controffensiva. Questa mattina all’ingresso del Centro Commerciale vicino casa un picchetto di sindacalisti (ormai superati dalla storia) era lì a fermare i clienti per chiedere cosa pensassero delle aperture domenicali -secondo te, amico mio- cosa vuoi che pensi delle aperture domenicali uno che sta andando a fare la spesa di domenica, col bimbo?

Mettiamola così l’unico reale problema delle aperture domenicali riguarda i lavoratori costretti ad allungare i propri turni anche alla domenica e, ancora di più, i commessi dei piccoli esercizi commerciali dentro gli ipermercati dove il personale non è sufficiente a garantire una corretta turnazione ma dove gli introiti dalle aperture domenicali non consentono nuove assunzioni e quelli del centro delle città dove, al problema delle turnazioni, si aggiunge quello dell’organico già sottodimensionato e costretto a straordinari non retribuiti da padroni con pochi scrupoli e non adeguatamente controllati (anche se ultimamente la Guardia di Finanza…).

Per quanto riguarda gli altri commercianti… beh potranno continuare a rimanere chiusi la domenica senza grosse perdite, anzi il decreto di Monti, liberalizzando di fatto gli orari di apertura, consente di scegliere gli orari con più afflusso di gente per aprire la saracinesca e fra poco, probabilmente, spunteranno i primi negozi 24h, anche se temo/spero che i proprietari saranno diversamente-italiani.

Per il consumatore, ma anche per il semplice cittadino, invece, questa liberalizzazione è una grande conquista, qualunque cosa dica la chiesa cattolica, che vorrebbe tutti in parrocchia come beghine. Fare la spesa la domenica consente al consumatore di districarsi con più calma fra le offerte mentre avere delle megastrutture attrezzate per le famiglie, a disposizione anche nei giorni di festa, permette, sopratutto in provincia, di avere dei centri di aggregazione e dei luoghi dove trascorrere il tempo libero relativamente sicuri di non essere scippati e di non pestare una cacca di cane, permette di stare tranquilli senza dover schivare le macchine e senza doversi arrampicare col passeggino su marciapiedi in rovina.

Oggi, per esempio, sono uscito con Pierpaolo, lasciando Monica con Gabriele febbricitante: siamo andati a Mediaworld dove abbiamo scroccato qualche partita ai videogame e abbiamo cazzeggiato fra i megatelevisori, siamo stati da Leroy Merlin a cercare una lampadina a led colorati e poi siamo andati da McDonalds per un HappyMeal a basse di nuggets al pollo, patatine fritte e Coca Cola, junk food, lo ammetto, ma a Pierpaolo piace tanto e ci siamo tanto divertiti. Non avrei potuto farlo se fosse stato tutto desolatamente chiuso e non ditemi di andare a passeggiare in centro col bambino, non disarmato almeno.

Un’ultima cosa per Socci:  non occorre alcuna norma per permettere all’industria di aprire la domenica, anzi, in generale, gli operai di catena lavorano su turni 7/7 e la domenica lavorano pure i ristoranti, i bar, i cinema, le rosticcerie, le pasticcerie, i tranvieri, i poliziotti, i vigili del fuoco, gli ospedali etc.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.