• g+
  • Tumblr
  • Youtube
  • Linkedin
  • Instagram
  • About.me
  • Ucronìa.it Feed
Ucronìa.it

Neo-luddismo italico

Riprendo un articolo di Alessandro Girola per parlare di un altro male che affligge il nostro paese il neo-luddismo italico. 

Siamo il paese dove la diffusione dei cellulari e smartphone assume percentuali imbarazzanti, dove si riesce a vendere un iPhone ai prezzi più alti del pianeta eppure ogni tanto si sente dire, dall’alto del concentrato di tecnologia che ognuno si porta in tasca: – eh, si stava meglio quando si stava peggio – ricordando la nostalgia di quei pomeriggi passati in strada a giocare a pallone dopo aver fatto i compiti.  – Da quando c’è internet i ragazzi non si relazionano più fra loro, diventano asociali e passano tutto il tempo con la testa dentro al monitor – che poi è la stessa cosa, aggiornata agli anni ’10 del ventunesimo secolo, che dicevano negli anni ’80 del ventesimo riguardo la televisione. – Eh, questi ragazzi, invece di giocare stanno tutto il tempo li a scimunire dietro ai cartoni animati giapponesi

Beh io che ero asociale, nel senso che non ho mai socializzato con i cretini, negli anni ’80-’90, quando ancora non c’era internet, prendevo la bici e me ne andavo in campagna a leggere un libro ma passavo anche i pomeriggi a guardare la TV e a cazzeggiare al computer e, francamente, se vedo mio figlio che dopo aver giocato al parco decide di buttarsi su un prato a giocare col Nintendo non mi scandalizzo più di tanto.

Potrei scrivere un trattato sul perché il progresso è meglio di un calcio nelle palle ma è inutile approfondire più di tanto la questione quando c’è gente che si porta addosso la tecnologia risultato di anni di ricerca spaziale e mi viene a dire, con quella certezza che non può che essere figlia dell’ignoranza, che l’uomo non è mai andato sulla Luna.

Preferisco quindi pensare a quelle che sono le rivoluzioni tecnologiche che hanno cambiato la mia vita e quella del’umanità negli ultimi venti anni (il personal computer, il telefono cellulare, lo smartphone, la fotocamera digitale, il navigatore satellitare, il climatizzatore, il tablet, gli e-reader…) e poi rimangiarmi tutto quello che ho detto! (beh quasi, dai…)

Eh sì, perché non sempre la tecnologia ti aiuta davvero. Nel 1971 la Gillette brevettò il primo rasoio bilama usa e getta, che poi sono diventate, tre, quattro fino a raggiungere  le sei lame accompagante dalle necessarie strisce idratanti per poter far scorrere il rasoio, dei recenti aggeggi venduti nei centri commerciali. Ogni nuovo modello di rasoio sembra sempre migliore rispetto al precedente, anche quando lo provi, eppure… sarà che io sono pigro e la barba la faccio ogni settimana, quando va bene, sarà che ho una barba molto folta, ma con l’ultimo modello di rasoio che ho comprato, per farmi la barba, ci sono volute due testine da 2 euro l’una, facevo prima e meglio ad andare dal barbiere :-)

Così ho deciso di tornare all’antico e mi sono comprato un rasoio di sicurezza, quello brevettato dalla Gillette verso la fine del 1800,  con le lame usa e getta in acciaio inox e… miracolo riesco a farmi la barba perfettamente in minor tempo e con una spesa effettiva di 5 centesimi! Già da tempo avevo abbandonato la schiuma da barba in bomboletta che più che idratare mi sporcava la camicia in favore del vecchio sapone da barba e pennello… beh ora posso davvero dire un altro mondo.

Non parliamo, poi, dei rasoi elettrici… che è meglio!

 

7 risposte a Neo-luddismo italico

  • avatar
    Davide Mana scrive:

    Anch’io sono passato da qualche tempo al rasoio di sicurezza, e devo dirmi ampiamente soddisfatto.

    Meno irritazione per la pelle, spesa infinitamente minore, e un minor impatto ambientale – le lamette sono riciclabilissime, i rasoi usa e getta e le testine sono un gran mal di testa quando si tratta di smaltire.E poi c’è la varietà di opzioni per ciò che riguarda i saponi – e anche lì si risparmia di brutto e si incide meno sull’ambiente.Una bella trovata, quella del signor Gillette, con l’invenzione della lametta rimovibile.

      • avatar
        Marco Siena scrive:

         E se provate le lame Bic, costano anche meno delle Gillette. In più, vendo in giro in buon numero, anche il sapone in ciotola Proraso, ma anche quello in tubo e sempre da lavorare con il pennello.

        • avatar
          Angelo scrive:

          Il sapone è quello che uso io (infatti la foto sopra è mia) il problema è che le lame io nei posti dove faccio la spesa le trovo solo Wilkinson o Gilette (costosissime)

          • avatar
            Angelo scrive:

            devo guardarci.  Dalle mie parti non ho mai fatto caso che le tabaccherie vendessero prodotti da barbiere, ma potrei anche semplicemente non esserci stato attento

          • avatar
            Marco Siena scrive:

             Se hanno deodoranti, saponette, shampoo et similia, di solito tengono anche lamette e affini, specialmente usa e getta e, in qualche remoto anfratto, lame per i rasoi di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


I più letti