Viviamo un epoca di grandi drammi e forti incertezze, come è sempre stato e forse anche meno. Il mondo è pieno di cattivi e sporchi terroristi che amano farsi saltare in aria e di tanti buoni e onesti cittadini che guardano i reality show. Intanto mentre masse di gallinelle urlanti accorrono al provino altre ragazze decidono che aiutare il prossimo può essere più gratificante che un viaggio dal Papa a Lourdes.
L’altra sera una signora mi ferma per strada e mi chiede aiuto, si sente male o più probabilmente è molto sola. Ci parlo cerco di capire; ha bisogno di attenzioni e forse si sente male davvero, chiamo il 118 ma hanno i loro problemi, fermo una pattuglia della polizia. Ragazzi la signora lì si sente male e loro corrono in soccorso. Tutto e bene quel che finisce bene e vado all’appuntamento con degli amici. Parliamo di due ragazzi da poco sposati che stanno per mollarsi, lui forse non vuole crescere e lei non vuole farsene una ragione; una storia ormai finita o forse nemmeno cominciata, una strada percorsa fino in fondo perchè troppo stretta per tornare indietro, un ostacolo alla fine che è più di un muro e questa volta ci sarà poco da berci su. Ma il mondo va così, imbocchiamo percorsi conosciuti credendo che così sia più facile e ci accorgiamo sempre troppo tardi di guardare la vita dai finestrini di un treno in corsa sperando che alla fine ci sia una stazione e un pasto caldo ad aspettarci.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.