Lo shopping on line è pericoloso. Ci sono dei momenti che, colto dal raptus della spesa folle, uno si compra un oggetto inutile inventandosi varie scuse per renderlo indispensabile; un tempo, in quei momenti, bastava non uscire di casa e il rischio era scongiurato, nel attesa del Natale per farsi regalare qualunque cazzata. oggi c’è eBay.
Quello di sopra è il risultato di un attimo di depressione che mi ha colto lo scorso week-end.

P.S. piccola nota, compro i simpatici oggettivi da ebay e chiedo esplicitamente al venditore di spedirmeli per corriere, pago qualcosa in più, ma non essendo mai a casa almeno sto tranquillo, per ulteriore sicurezza lascio l’indirizzo di mio padre, certamente più presente di me a casa. Arriva il corriere, non trova nessuno a casa di mio padre e mi chiama al cellulare per dirmi che a casa non c’era nessuno e di scendere (sigh!). Al che gli dico di lasciare l’avviso, tanto la loro sede è dietro il mio ufficio. Mi richiama per dire che ha lasciato il pacco a mio zio. OK c’erano dei modellini in PVC, ma se avessi comprato una bambola gonfiabile? La prossima volta lascio fare alle poste…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.