Pur fonte di polemiche, una cosa buona nella manovra “Salva Paese” emanata in questi giorni e già ampiamente rinnegata, una cosa buona, dicevo, c’è. Se ho ben capito, fra le pieghe del decreto, si nasconde una norma che va a deregolamentare le aperture dei negozi eliminando lacci e lacciuoli che impedivano ai commercianti di aprire i negozi quando potevano vendere di più; via al divieto di apertura domenicale e festiva, dunque, via chiusura obbligatoria per un pomeriggio a settimana e sopratutto deregolamentazione degli orari di apertura e chiusura, finalmente anche in italia potremo avere negozi aperti h24!

Ovviamente non mancano le critiche a questo provvedimento, per carità alcune anche giustificate. E’ evidente che a trarre vantaggio da tutto ciò sono le catene della GDO che potranno finalmente aprire la domenica e i festivi e vedere lievitare i propri incassi senza dover sperare nelle delibere delle varie amministrazioni comunali ed è evidente che i, così detti, negozi di vicinato non vedono di buon occhio un cambiamento legislativo che gli imporrebbe, secondo la loro opinione, di competere con la GDO su un terreno, quello delle risorse organizzative, assolutamente impari. Tuttavia, per come la vedo io, la liberizzazione delle aperture dei negozi va vista da tutti come un’opportunità. Il negozietto sotto casa non può pretendere di vivere ancora come negli anni’70 con i clienti affezionati che vanno a fare la spesa sempre lì…

Il mondo è cambiato e insieme ad esso le modalità di consumo. Esisterà sempre meno la figura della casalinga con la mattinata libera per andare a fare la spesa nei piccoli negozietti alle 11.30 del mattino dopo aver portato il bambino al nido ed avere fato un’ora di palestra. Andare a fare shopping in centro, poi, è ostacolato sia dalla scarsa sicurezza delle città dal punto di vista della microcriminalità e dell’accesso pedonale e sia dalla difficoltà di parcheggio. A tutto questo sopperisce il centro commerciale, dove è possibile fare shopping lasciando un bambino libero di camminare da solo nelle gallerie senza il rischio di essere investito da un’auto e dove non devi guardarti continuamente il portafogli. Un posto dove puoi fare la spesa senza saltare da un negozietto all’altro, un posto che DEVE rimanere aperto la domenica perchè, è inutile girarci attorno, assolve anche una funzione sociale. In questi giorni di città vuote e negozi sbarrati per ferie i centri commerciali sono PIENI anche la domenica, pieni di gente che non può o non vuole muoversi dalla città e che trova nell’ipermercato colori, luci, suoni e rifregerio che la grigia e sporca città assolata non può offrire. Diamine gli ipermercati sono pieni di vecchietti che passano le giornate al tavolino dei bar!!!

E il negozio di vicinato? E’ destinato a morire? La risposta ovviamente è no. No, perché ci sarà sempre un gran numero di persone che ha difficoltà a raggiungere i grossi centri commerciali, raramente centrali, e no perché volente o nolente dovranno modificare il proprio modello di business. Il limite della GDO è che appunto si tratta di Grande Distribuzione Organizzata. Per poter competere sui prezzi e massimizzare i profitti i centri commerciali sono tutti maledettamente simili sia per la parte ipermercatale che per la galleria commerciale: gli stessi negozi, gli stessi oggetti, le stesse marche, tutto uguale. Sempre per minimizzare gli investimenti, poi, per quanto riguarda il settore food la qualità dei prodotti non può essere considerata eccellente. Io personalmente evito di comprare pane, frutta, verdura, carne, salumi negli iper e quando posso vado al fruttivendolo, alla macelleria, alla salumeria, al panificio. Certo se è giovedì pomeriggio e ho bisogno di comprare la carne… Il negozio di vicinato, dunque, evolverà natruralmente verso un modello che dovrà andare in contro alle nicchie di consumatori con orari, prodotti e servizi che la GDO, semplicemente, non può permettersi perché antieconomici sui grandi numeri e NON ha alcuna necessità di effettuare (a parte rari casi di città realmente turistiche(*)) aperture domenicali. Certro chi non sarà in grado di adeguarsi chiuderà, ma questo sta già avvenendo ed ovviamente la sua nicchia di mercato verrà assorbita da qualcun altro con maggiore spirito imprenditoriale.

Per quanto riguarda la situazione dei lavoratori “costretti” adesso a lavorare anche la domenica, sinceramente la cosa non mi tange minimamente. Ci sono operai che lavorano in fabbrica su turni domenicali, ci sono gli autisti dei bus, i poliziotti, i medici, gli infermieri, i vigili del fuoco, i vigili urbani, gli stessi bar… non capisco perché tanto clamore, certo mi rendo conto che sia seccante e personalmente cercherei di cambiare lavoro, ma non vedo come gli addetti al settore commerciale possano lamentarsi di una cosa spesso specificata a chiare lettere nel proprio contratto.

(*) Conosco negozietti che se ne fottono dei divieti di apertura domenicale, pagano la multa e hanno comunque ampio margine di guadagno

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] più eclatante è quello della foto: come ho avuto più volte modo di dire(per esempio qui) il Centro Commerciale, in genere, offre una serie di servizi che i negozi in città non forniscono […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.